Rebus Tac a Lanciano, Schael: "Ok ai lavori per ospitare un secondo macchinario" - Intervento da 300mila euro
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 31/10

Rebus Tac a Lanciano, Schael: "Ok ai lavori per ospitare un secondo macchinario"

Intervento da 300mila euro

Mentre il sindaco di Lanciano, Mario Pupillo, annuncia il ricorso al Tar per la vicenda della Tac destinata all'ospedale "Renzetti" dirottata a Vasto [LEGGI], la Asl programma i lavori di allestimento dei locali per ospitare un secondo macchinario.

Gli interventi, per 300mila euro, sono quelli previsti per la separazione dei percorsi Covid e no-Covid che coinvolgeranno anche la Radiologia. Nella relativa delibera sono previsti l'adeguamento dei percorsi utili alla gestione dell'emergenza e la realizzazione di opere murarie e impiantistiche per l'installazione di una seconda Tac. I lavori sono finanziati con i fondi della rete Covid messi a disposizione dal Governo per fare fronte alla pandemia.

"Per Lanciano – dice il direttore generale dell'azienda sanitaria, Thomas Schael – si muovono i passi preliminari e necessari per accogliere una seconda Tac, che potrà essere dedicata, in virtù della separazione dei percorsi, esclusivamente ai pazienti no-Covid, mentre quella già attiva potrà essere destinata ai sospetti Covid. I lavori sono essenziali per poterla collocare e garantire al tempo stesso la continuità della diagnostica con quella attuale. Gli interventi previsti ci permetteranno, infatti, di installare il nuovo apparecchio senza intralciare l'attività di quella in uso, un aspetto non di importanza relativa, poiché sarebbe impensabile per un ospedale Dea di I livello un'interruzione degli esami per fare posto al nuovo apparecchio. Il 2021 sarà un anno buono per il rinnovo del parco tecnologico del 'Renzetti', dove gli investimenti sono al palo da anni, specie sul fronte delle cosiddette macchine pesanti, molte delle quali datate e non più adeguate ai nuovi bisogni di salute".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi