Tac dal Renzetti dirottata a Vasto, il Comune di Lanciano presenta ricorso al Tar - Pupillo: "Ho atteso il tempo necessario ad un ripensamento ma non c’è stato"

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 30/10

Tac dal Renzetti dirottata a Vasto, il Comune di Lanciano presenta ricorso al Tar

Pupillo: "Ho atteso il tempo necessario ad un ripensamento ma non c’è stato"

Il Comune di Lanciano ha presentato ricorso al Tar Abruzzo per ottenere l'annullamento della delibera 659/2020 del direttore generale della Asl 2 Lanciano Vasto Chieti Thomas Schael, con la quale è stata destinata all'ospedale di Vasto la TAC appositamente acquistata per il percorso COVID dell'ospedale "Renzetti" di Lanciano grazie ai fondi donati da privati per l'emergenza pandemia.

La Giunta Pupillo ha dato mandato all'avvocatura comunale di procedere con il ricorso con richiesta di sospensiva per eccesso di potere e violazione di legge, alla luce della carenza di istruttoria della delibera n. 659 del 6 agosto 2020 del DG Schael utile a confutare le premesse della delibera precedente dello stesso DG n.614 del 30 luglio 2020, con la quale affermava l'indifferibile urgenza di acquisto di una TAC per l'ospedale "Renzetti" di Lanciano.

"La prima delibera assegnava all’ospedale Renzetti una tac rigenerata finanziata con donazioni di privati per l'emergenza coronavirus. Doveva essere destinata al Pronto Soccorso per il percorso Covid - dice il sindaco Mario Pupillo - come si evince dalle premesse della delibera dello stesso Schael, che ha poi improvvisamente e immotivatamente deciso di assegnarla all’ospedale di Vasto in un’ora, senza interessare il competente UOC di Ingegneria Clinica e senza provvedere ad una possibile soluzione per Lanciano. Chiediamo alla giustizia amministrativa un provvedimento di urgenza per riparare al danno che, quotidianamente, - prosegue Pupillo - viene perpetrato ai cittadini del bacino di utenza dell’ospedale di Lanciano, circa 150mila cittadini abruzzesi che fanno capo al nostro "Renzetti" per vedersi garantito il diritto alla tutela della salute. Il nostro ospedale ha una sola TAC del 2007, a 16 strati. Ho atteso il tempo necessario per permettere un auspicabile e ragionevole ripensamento da parte del direttore, - si legge ancora nella nota del sindaco - cosa che non è avvenuta: alla vigilia della scadenza dei termini abbiamo quindi deciso di procedere con il ricorso al Tar. Mi riservo di agire con ulteriori azioni legali nei prossimi giorni. È una vicenda assurda che ci lascia basiti e sorprende come il centrodestra lancianese e regionale non abbia sentito l'urgenza di stigmatizzare o quantomeno modificare la scelta scellerata del Direttore. La ripresa della pandemia rende ancora più urgente la dotazione di un'altra TAC e tale carenza genera responsabilità personali di cui il direttore Schael risponde, per ora, solo moralmente ed eticamente”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi