Lanciano   Cronaca 08/04

Lanciano. Accendono finanziamenti con carte d’identità false, arrestati due pregiudicati

Messi a segno 8 colpi a San Giovanni Teatino per un totale di 80mila euro

LANCIANO - Nell'ambito dell'attività finalizzata alla repressione dei reati contro il patrimonio, in particolare truffe aggravate poste in essere mediante la sostituzione di persona, la Squadra Mobile della Questura di Chieti, in seguito a due distinte perquisizioni poste in essere a Lanciano e Foggia, ha tratto in arresto due pregiudicati in quanto trovati in possesso di carte d'identità false riconducibili a terze persone.

L'attività d'indagine, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Chieti, dottoressa Marika Ponziani, ha preso il via nel corso del 2021 per fatti commessi a San Giovanni Teatino in danno di una nota concessionaria di auto presso la quale era stato tentato l'acquisto di un veicolo, con accensione del relativo finanziamento.

La Terza Sezione Reati contro il Patrimonio della Squadra Mobile di Chieti ha ricostruito che gli arrestati, utilizzando dati anagrafici e fiscabili riconducibili a persone ignare, prevalentemente rinomati professionisti con rilevanti redditi, avevano ottenuto finanziamenti o tentato di ottenerli sia presso concessionarie per l'acquisto di mezzi che presso banche on line e anche finaziarie. Complessivamente sono stati individuati 8 distinti episodi delittuosi che hanno fruttato circa 80mila euro, commessi a partire dal maggio 2020 a seguito della prima riapertura post lockdown.

Le vittime, vale a dire le persone a cui erano stati carpiti i dati anagrafici e fiscali ed ai quali i malviventi si erano sostituiti, avevano sporto formale querela quando erano stati chiamati a pagare rate per finanziamenti mai richiesti.

I soggetti tratti in arresto annoverano precedenti specifici ed operano a livello nazionale, con particolare riguardo al centro Italia. Le indagini proseguono e sono tese ad acquisire elementi di prove in relazione ad altri episodi di truffa e, al riguardo, si invitano eventuali ulteriori vittime di analoghe condotte a contattare la Squadra Mobile di Chieti.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi

     
     

    Chiudi
    Chiudi