CHIUDI [X]
 
Lanciano   Attualità 10/01

Aggressione al carcere di Lanciano, Udc: "Emergenza che non può più essere tollerata"

Di Giuseppantonio e Di Renzo auspicano incontro risolutivo con il provveditore

“La carenza di personale nella Casa Circondariale di Lanciano e in altri istituti abruzzesi sembra non faccia più notizia. Riappare agli onori della cronaca solo quando vi sono aggressioni nei confronti di agenti della Polizia Penitenziaria, di atti di autolesionismo, suicidi tra i detenuti. In quel momento ci si accorge che è sempre più difficile riuscire a gestire, a controllare con pochi uomini che si sottopongono a grandissimi sacrifici, che dimostrano grande professionalità, abnegazione e senso del dovere, sensibilità nei confronti di chi è recluso, una situazione emergenziale che non può più essere tollerata in un Paese civile”.

È quanto sostengono in un documento il segretario regionale, Enrico Di Giuseppantonio e il segretario comunale frentano dell’Udc di Lanciano Domenico Di Renzo, dopo che un detenuto ha aggredito due agenti nel carcere di Villa Stanazzo [LEGGI QUI].

“La detenzione è già di per sé una condizione problematica e drammatica per le persone che la vivono è lo ancor di più per chi ha il compito di tenere in piedi e in maniera efficiente l'organizzazione di un carcere. Il sistema funziona solo se vi è una copertura idonea di personale, altrimenti si sottopone la Polizia Penitenziaria a fronteggiare situazioni di tensione e di sofferenza, sempre più frequenti, acuite tra l’altro dall’emergenza sanitaria in atto. – aggiunge Di Giuseppantonio - Sostengo e faccio mia, a nome dell'Udc, la richiesta espressa dalle sigle sindacali della Polizia Penitenziaria, alla quale va la mia solidarietà, affinché al più presto vi sia un incontro risolutivo con il Provveditore Regionale, Carmelo Cantone, e si decreti l'aumento di personale nella Casa Circondariale di Lanciano”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi

       

      Chiudi
      Chiudi