CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Politica 16/08

Marongiu VS Paolini, i due volti della politica frentana

Le coalizioni si preparano alla campagna elettorale tra novità ed esperienza

Uno ha compiuto 40 anni lo scorso 15 aprile, l’altro ne compirà 66 il prossimo 12 novembre. Uno è un giovane assicuratore, l’altro è un navigato avvocato. Uno è il volto nuovo della politica democratica frentana, l’altro è l’ex sindaco, in carica dal 2001 al 2011.

Parliamo di Leo Marongiu e Filippo Paolini, i principali competitors che si affronteranno nelle elezioni amministrative del prossimo 3 e 4 ottobre che rinnoveranno il consiglio comunale a Lanciano. Candidati delle coalizioni rispettivamente di centrosinistra e centrodestra, si preparano ad affrontare una campagna elettorale complicata, strana, senza dubbio nuova, dopo il difficile periodo della pandemia.

Marongiu, dopo aver convinto anche Dora Bendotti e Giacinto Verna a correre insieme a lui, sarà appoggiato da 5 liste, in testa quella del Pd, ed ha promesso un giusto mix tra esperienza e volti nuovi. Paolini, fresco di nomina come candidato unico del centrodestra, ha lavorato di fino negli ultimi mesi e, mentre si susseguivano uno dietro l’altro i tavoli dei vertici del centrodestra, è rimasto calmo, serafico, dietro le quinte, in attesa della chiamata, una volta messi da parte tutti i nomi proposti dai vari partiti dalla scorsa primavera. Potrebbe essere sostenuto da 7 o 8 liste. Ci saranno tutti partiti di centrodestra (Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia, Udc) ed i movimenti civici che, dopo un iniziale tentennamento, hanno deciso di correre con lui e per lui, in primis Libertà in Azione di Tonia Paolucci. Quello che era nato come un nuovo Polo civico, è diventato una grosse koalition che ha portato all’unità del centrodestra, seppur dopo mesi di incertezze ed intese sfumate.

Sapranno i due candidati mettere a bada le diverse anime che formano gli intricati puzzle dei due schieramenti? In gioco c’è non solo un avvincente scontro elettorale, ma soprattutto il governo di una città che ha fortemente bisogno di uscire dalla crisi pandemica dopo quasi due anni di ristrettezze e difficoltà sociali, sanitarie ed economiche.

Passato Ferragosto, la campagna elettorale può ufficialmente iniziare.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi

       
       

      Chiudi
      Chiudi