CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 luglio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 29/06

Bandi ministeriali, 6,5 milioni di euro per progetti per Lanciano

Variazioni di bilancio approvate all’unanimità in consiglio comunale

Il consiglio comunale di Lanciano ha ratificato all’unanimità, nella seduta di lunedì 28 giugno, cinque variazioni di bilancio proposte dall’assessore ai Lavori pubblici Giacinto Verna, che ammontano ad oltre 6,5 milioni di euro. Le variazioni, approvate con deliberazioni urgenti di giunta nel periodo dal 20 maggio al 16 giugno 2021, riguardano nuovi progetti con cui il Comune ha partecipato a bandi di finanziamento ministeriali, e investimenti per migliorare la fruibilità dei mezzi della mobilità sostenibile e risparmiare sui costi per l’energia.

In particolare, 260mila euro sono rappresentati dai fondi per l’efficientamento energetico, raddoppiati rispetto a quanto previsto, grazie al Decreto Crescita, e con i quali si interverrà sulle centrali termiche delle scuole cittadine. Novantamila euro sono per la fornitura e la posa in opera di otto pensiline in corrispondenza delle fermate degli autobus urbani, in centro ma soprattutto in contrade e periferie.

La parte del leone, con 3,5 milioni di euro, la fa la proposta di rigenerazione urbana di Olmo di Riccio, che riqualificherà e cambierà volto al popoloso quartiere. Il Comune ha partecipato al bando di finanziamento, scaduto lo scorso 4 giugno, con il progetto che prevede il recupero di edifici pubblici, di spazi aperti e aree a verde pubblico, il potenziamento della mobilità pedonale e ciclabile, la creazione di un parco urbano, di aree gioco esterne e di una piazza-anfiteatro.

Infine, ci sono quasi 2,7 milioni per la costruzione di due nuovi asili nido, al posto delle attuali strutture “Il Sorriso” in contrada Marcianese (1,4 milioni) e “La Campanella” in viale Marconi (1.280.000 euro) che saranno abbattute. Riaprire il terzo nido comunale significa dare un’opportunità in più alle famiglie e alle donne che dopo la maternità cercano di rientrare nel mondo del lavoro.

“Ringrazio il consiglio comunale nella sua interezza per aver votato all’unanimità queste variazioni, - dichiara l’assessore Verna - come ringrazio pure l’assessore al Bilancio, Carlo Orecchioni, e il dirigente del settore Finanze, Paolo D’Antonio, per la collaborazione e l’impegno profuso, affinché i passaggi tecnici e burocratici di propria competenza avvenissero nella maniera più celere possibile. Queste variazioni - continua Verna - sono il frutto della capacità dell’assessorato ai Lavori pubblici di programmare per il futuro un grande lavoro che parte dalla capacità di reperire risorse per affidare gli incarichi per la progettazione, senza la quale non si arriverebbe a realizzare le opere messe in cantiere.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi