Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 luglio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Politica 23/06

Di Campli verso l’ufficialità ma il centrodestra si spacca

Vicina la scelta del candidato unico che di unico potrebbe avere ben poco

Ormai sembra ufficiale: Donato Di Campli sarà il candidato sindaco del centrodestra. Dopo mesi di tavoli, incontri, riunioni, il centrodestra regionale non è riuscito ad esprimere un candidato unitario tra Danilo Ranieri (Lega) e Paolo Bomba (Fratelli d’Italia) e così, da buon procuratore sportivo, Di Campli è uscito sulla fascia ed ha fatto gol con una sciabolata lunga. Non parla ancora però l’imprenditore frentano che, dopo mesi di affondi social contro l’attuale amministrazione, ha scelto la via del silenzio, almeno fino all’incoronazione ufficiale.

Ma il centrodestra locale che fa? È pronto ad appoggiare Donato Di Campli come sindaco? La risposta chiara, netta e decisa non sarebbe proprio dietro l’angolo. I vertici frentani della Lega, da sempre convinti e stretti attorno al loro candidato Ranieri, potrebbero addirittura decidere di fare un passo indietro e, come più volte bisbigliato in maniera ufficiosa nelle settimane scorse, dimettersi e non correre per Di Campli.

Altro punto interrogativo è dato da Paolo Bomba che potrebbe scegliere di abbandonare Fratelli d’Italia, reo di non averlo appoggiato e sostenuto abbastanza nella corsa a sindaco e preferire la candidatura in solitaria appoggiato dalle “sue” liste civiche capitanate da Nuova Lanciano.

Terzo attore in campo resta il Polo civico composto da Filippo Paolini, pronto a vestire di nuovo la fascia tricolore, accompagnato da Tonia Paolucci, suo ipotetico vice.

Insomma, se la candidatura di Di Campli sembrerebbe aver tolto le castagne dal fuoco al centrodestra regionale, togliendogli di fatto un problema, come recita Orietta Berti nel tormentone dell’estate, ora però “gliene restano mille”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi