Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Politica 24/05

Spaccature interne e paura del fuoco amico, le sabbie mobili del centrodestra

Oggi il tavolo regionale che potrebbe, ancora, decidere di non decidere

Esponenti di Fratelli d'Italia e Lega posano in corso Trento e TriesteSpaccature interne, fuoco amico e voglia di fare scatti in avanti che poco hanno a che vedere con l’idea di coalizione unita. Questo il complicato dedalo del centrodestra frentano in cui sembra mancare sempre qualche piccolo pezzettino per completare il puzzle che compone la figura del candidato sindaco unico.

I partiti non riescono a trovare l’accordo e, nel tavolo regionale in programma per oggi, si potrebbe ancora decidere di non decidere. Un continuo e lento procrastinare che non fa di certo bene alla politica frentana e soprattutto agli elettori, già stanchi di una situazione stagnante in cui, per l’ennesima volta, il candidato potrebbe essere calato dall’alto in un gioco di spartizione di città.

“Se Vasto va alla Lega, Lanciano va a Fratelli d’Italia”. È questo il motto che accompagna i partiti di centrodestra che, se così fosse, consegnerebbe il candidato del partito di Giorgia Meloni, Paolo Bomba, alla città di Lanciano. Ma a quel punto la Lega che farebbe? Appoggerebbe Bomba mettendo da parte le ambizioni dell’avvocato Danilo Ranieri? Ufficialmente la risposta del Carroccio è positiva ma voci di corridoio non darebbero così scontata la decisione in un partito che sembra diviso tra ambizioni locali e decisioni regionali.

Nel frattempo le civiche continuano a stare alla finestra, in attesa dei partiti, ma nello stesso tempo iniziano a scalpitare per portare avanti i loro uomini, le loro idee e le le loro liste.

Nel centrosinistra le cose non vanno di certo meglio e le sabbie mobili sembrano le stesse. Accomunate dalla stessa paura del fuoco amico, più che della coalizione avversa.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi