Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 08/02

La pandemia e la crisi del commercio: dopo 34 anni Mozia Gioielli abbassa la saracinesca

"Lanciano ha grandi potenzialità ma oggi sono del tutto appiattite"

Dopo 34 anni, la storia commerciale di Mozia, storica gioielleria di corso Trento e Trieste, si chiude, pagando a caro prezzo la sofferenza del piccolo commercio a cui si è aggiunta la grave crisi economica scaturita dalla pandemia che viviamo da un anno. 

“Tanti anni di lavoro, iniziato nel periodo di massima espansione del Commercio, per noi sono stati in realtà fonte di soddisfazioni, di crescita professionale, ma sopratutto di evoluzione in una cittadina che oggi sembra spegnersi come una candela consumata. - affermano Monica Bono e Cinzia Zacchini, proprietarie della gioielleria - Troppi cambiamenti del modo di fare shopping, sempre più indirizzato verso acquisti on-line, hanno impoverito il commercio che oggi vede tanti esercenti alla resa”.

Mozia si è distinta negli anni non solo per una vendita di qualità e sorrisi sempre pronti ad accogliere chiunque varcasse la soglia del negozio, ma anche per la partecipazione, sempre in prima linea, alle attività del Consorzio Le Vie del Commercio, e per la costante e sinergica collaborazione con altre associazioni locali e con l'amministrazione comunale, con l'obiettivo di  rilanciare Lanciano.

Una cittadina con grandi potenzialità che oggi risultano appiattite. - dicono Monica e Cinzia -Impossibile catturare ancora l'attenzione della clientela proveniente dai paesi limitrofi. Troppo scarsa l'offerta commerciale, visti i tanti locali sfitti,  per riuscire ad essere ancora il baricentro dello shopping della Frentania. In realtà la sofferenza del piccolo com

Cinzia e Monica in occasione del Mastrogiurato 2019mercio è una realtà condivisa ovunque. A noi restano i ricordi dei tantissimi clienti che hanno frequentato il negozio. Tanti di loro sono diventati nostri amici. Noi siamo una generazione speciale, - commentano con nostalgia - che ha vissuto a cavallo del cambiamento, conservando il valore esclusivo di oggetti scelti nei negozi, accompagnati dal consiglio sapiente di chi si soffermava con piacere per una  chiacchierata  arricchendo il momento dello shopping. Le nuove generazioni nascono senza sapere cosa significhi tutto questo”.


“Siamo noi a rammaricarci perché abbiamo capito che i vecchi tempi non torneranno più
Resta l'orgoglio di aver vissuto gran parte della propria vita all'interno di quel nostro negozio che - concludono - tanti visi ammirati ha ospitato davanti alle sue vetrine allestite con cura e dedizione”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi