Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 febbraio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Politica 05/02

La candidatura della Bendotti fa volare gli stracci nella maggioranza

Centrodestra e centrosinistra lacerati da personalismi e nessun passo indietro

Uno degli ultimi consigli comunali in presenzaPrimarie sì, primarie no, candidato unitario, partiti o liste civiche. Questi sono solo alcuni dei dubbi con cui la maggioranza Pupillo si trova a fare i conti a pochi mesi dalle elezioni e che, in un clima politico sempre più rovente, tengono banco nelle riunioni, roventi proprio come l’aria che tira, dopo la notizia della candidatura a sindaco dell’assessore alle Politiche Sociali, Dora Bendotti. Una candidatura che, a quanto sembrerebbe, non è andata giù al resto della maggioranza, divisa più che mai sul nome del dopo Pupillo.

Il Pd, con la sua frangia più giovane, continua a sostenere Leo Marongiu e ad allontanare l’ipotesi delle primarie verso cui, invece, sembrerebbe ben disposta Dora Bendotti, per evitare divisioni ed arrivare compatti all’appuntamento elettorale, proprio come 5 anni fa.

La stessa avversione per le primarie arriva da Progetto Lanciano che però continua a portare avanti il nome di Giacinto Verna come unico candidato sindaco possibile. Del centrosinistra? Non per forza. Gli uomini del movimento civico fondato da Pino Valente starebbero infatti lavorando per la nascita di un polo civico, che vada al di là dei concetti di destra e sinistra e continuano a strizzare l’occhio a Tonia Paolucci e Libertà in azione che però, a sua volta, non sarebbe in alcun modo disposta a cedere sul nome di Verna.

E se la maggioranza è alle prese con un intricatissimo dedalo da cui al momento sembra molto difficile uscire, il labirinto in cui viaggia il centrodestra stenta allo stesso modo a trovare la via d’uscita. Mentre la Paolucci si è tirata fuori dai tavoli dei partiti, sempre più ferma e convinta del suo percorso civico, nessuno, tra gli attori politici, sembra voler fare un passo indietro nel nome di quell’unità che è mancata alle Comunali del 2016 e che, 5 anni dopo, continua a mancare. La Lega porta avanti il nome dell’avvocato Danilo Ranieri, Forza Italia quello di Graziella Di Campli, l’ex sindaco Filippo Paolini sarebbe pronto a scendere nuovamente in campo e Donato Di Campli a buttarsi nell’agone politico per la prima volta.

Insomma, un bel pasticcio all’italiana da cui, se tutti vogliono esserci, ma nessuno ha voglia di fare un passo indietro, sarà difficile venirne fuori.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi