CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Cronaca 04/02

Aderisce a #ioapro e non rispetta provvedimenti di chiusura. Locale posto sotto sequestro

Il titolare non demorde: "Voglio essere il primo ristoratore arrestato"

È rimasto aperto nonostante tre provvedimenti di chiusura, di due giorni, poi di cinque ed infine di trenta. Ora per il locale del centro di Lanciano è stato disposto il sequestro preventivo penale dal gip del tribunale di Lanciano, Massimo Canosa.

Ma il titolare, Massimiliano Serrapica, continua convinto nella sua disobbedienza civile in adesione al cartello #ioapro che contesta in tutta Italia la disposizione del Dpcm che bloccava il settore ristorazione. Una contestazione convinta quella di Serrapica che ha più volte affermato "Sarò il primo ristoratore a finire in galera per difendere il suo diritto a lavorare". 

Il gip, come riferisce l’Ansa, ha motivato il provvedimento di sequestro, chiesto dalla Procura di Lanciano, con la violazione delle norme sanitarie anticovid contenute del Dpcm. I sigilli al locale sono stati apposti dagli agenti del Commissariato, diretti dalla dirigente Lucia D'Agostino. 

Nonostante i divieti del Dpcm, il locale è rimasto aperto ospitando regolarmente clienti i quali, in tal modo, hanno voluto dimostrare solidarietà. Nei giorni scorsi nel locale è stato festeggiato anche un ristretto pranzo di nozze di una coppia di sposi ortonesi e diversi avventori sono giunti dalle Marche e dal Teramano. Contro i provvedimenti amministrativi e penale, i legali di Serrapica annunciano ricorso.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi