CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 19/01

Potatura degli alberi, Nuovo Senso Civico: "Se è capitozzatura, procederemo con una diffida"

L’associazione ambientalista avverte l’assessore ai Lavori Pubblici Verna

“La potatura degli alberi nel contesto urbano è molto importante per la sicurezza dei cittadini. Le avverse condizioni meteo, sia per il vento che per la neve, possono causare la caduta di rami e tronchi con danni alle cose e soprattutto alle persone. Sembrerebbe una cosa buona ma rischia di non esserlo affatto se gli interventi di potatura facessero ricorso alla tecnica della capitozzatura”. 

È questo il commento dell’associazione ambientalista Nuovo Senso Civico a seguito degli interventi su 1.100 alberi, comunicata dall’assessore ai Lavori Pubblici, Giacinto Verna [LEGGI QUI].

La capitozzatura degli alberi equivale alla loro decapitazione con un danno estetico all’arredo urbano, con un aumento dei rischi per l’incolumità dei cittadini e addirittura con un aumento dei costi di gestione nel tempo. È l’ultima ratio tra le tecniche di potatura, avvertita come la più facile soluzione ai problemi della messa in sicurezza degli alberi. “Non è così! - dice Nuovo Senso Civico - La capitozzatura favorisce la crescita delle radici superficiali e con la crescita compatta delle foglie che determina, a ventaglio, in caso di vento forte provoca l’effetto vela, con maggiori rischi di caduta dell’albero stesso. L’apparenza della riduzione della massa dell’albero, oltre ad esporlo al rischio di patologie che lo indeboliscono, oltre a deturparne la bellezza, è un modo stupido di risolvere il problema della sua messa in sicurezza, proprio perché non è affatto una messa in sicurezza”. 

Ogni albero ha una sua posizione, un suo livello di crescita. Per ogni albero va scelta la tecnica di potatura più adeguata con scienza e coscienza, avendo chiaro che la capitozzatura è l’equivalente di una decapitazione che può avere una sua logica solo in casi estremi e rarissimi. “Come associazione - conclude la nota - vigileremo sul destino prossimo dei 497 tigli, 252 lecci, 164 pini, 66 platani, 66 ligustri, 24 olmi, 8 gelsi e 3 querce, inclusi nel programma di potatura, avvertendo l’assessore e l’agronomo, prima che i lavori abbiano inizio, che nel caso vedremo interventi che equivalessero all’impiego della tecnica di capitozzatura del patrimonio arboreo della nostra città, procederemo con una diffida presso gli organi competenti”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi