Affidato ai servizi sociali il 14enne che colpì D’Astolfo sui binari dell’ex stazione - Per i giudici: "Necessario allontanarlo dal contesto malavitoso in cui vive"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Cronaca 29/12/2020

Affidato ai servizi sociali il 14enne che colpì D’Astolfo sui binari dell’ex stazione

Per i giudici: "Necessario allontanarlo dal contesto malavitoso in cui vive"

Nella giornata di ieri, il personale dei Servizi Sociali del Comune di Lanciano, avvalendosi dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lanciano, ha notificato alla famiglia del tredicenne che lo scorso 17 ottobre colpì Giuseppe Pio D’Astolfo nei pressi della ex stazione della Sangritana, un decreto con il quale il Tribunale per i Minorenni dell’Aquila ha affidato ai suddetti servizi il minorenne in questione.

Nel provvedimento, i giudici per i minorenni dell’Aquila hanno evidenziato come il minore, apparendo vivere senza regole, privo di supporto educativo caratterizzato da condotte devianti ed inserito in un contesto malavitoso, dovesse essere affidato, in via provvisoria ed urgente, al Servizio Sociale per ogni necessario supporto psicologico ed educativo finalizzato al suo reinserimento sociale, atteso che il protrarsi di tale stile di vita è assai pericoloso per il minore e per il suo corretto sviluppo. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi