Carenza idrica, Sasi: "Le sorgenti sono in sofferenza. Situazione preoccupante per il 2021" - La sorgente del Verde è al minimo storico
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 16/11

Carenza idrica, Sasi: "Le sorgenti sono in sofferenza. Situazione preoccupante per il 2021"

La sorgente del Verde è al minimo storico

Le sorgenti sono in forte sofferenza, quella del Verde è ai minimi storici e così l'approvvigionamento idrico subisce pesanti carenze sia nel Vastese che nel Sangro-Aventino, con quotidiane chiusure programmate. "Una situazione di evidente disagio di cui la Sasi è consapevole, ma le sospensioni sono purtroppo inevitabili per evitare situazioni ancora più gravi. Che potrebbero verificarsi in un futuro non troppo lontano".

È serio il problema della carenza di acqua nelle sogenti. "La portata della sorgente del Verde è al minimo storico, l'assenza di precipitazioni nevose dello scorso anno – spiega Fabrizio Talone, responsabile servizio captazione e adduzione – e pure le altre sorgenti, quella di Capo Vallone che si riferisce all'Alto Sangro, del gruppo del Sinello (alto Vastese) dell'Avello (zona di Guardiagrele) per le quali basterebbero piogge intense e continue sono in sofferenza. La preoccupazione è soprattutto per l'anno prossimo se la stagione invernale sarà come il 2019".

Per questo la Sasi si trova a dover gestire una serie di chiusure notturne per far ricaricare i serbatoi. "Tengo a precisare che le chiusure non sono generalizzate su tutti i serbatoi, ma va quantificata quella che si deve togliere per permettere a tutto il sistema di funzionare. Sono 4 le pompe accese a Fara San Martino per un totale di 250 litri al secondo – continua Talone-, attualmente mancano 100 litri per arrivare ai 1200 litri al secondo che è la portata che immettiamo normalmente. Dove possono essere recuperati? Sottraendoli ai serbatoi più grandi dove la quantità di acqua che andiamo a togliere non crea problemi ed è utile a ripristinare la funzionalità dell'intero sistema. Ci sono poi situazioni che si creano per l'eccessivo consumo della zona oppure per un sottodimensionamento delle strutture idriche, ovvero tubi piccoli, condotte vecchie.

La situazione comunque è fortemente preoccupante per il 2021, auguriamoci che la stagione invernale sia tale da garantire il recupero della sorgente del Verde, condizione fondamentale per restituire la continuità del servizio. Non bastano le 164 sorgenti superficiali se non sono piene quelle grandi. Intanto cerchiamo tutti di fare un uso attento della risorsa idrica".

Un aiuto alla gestione dell'acqua potrebbe arrivare grazie ai progetti con i fondi del Masterplan. "Abbiamo pianificato una serie di interventi che ho più volte illustrato e che sono diretti proprio a contenere situazioni di difficoltà, stiamo lavorando sapendo bene i disagi che molti utenti sono costretti a patire, ho ascoltato e compreso le lamentale e anche le proteste di sindaci e cittadini e come azienda ci stiamo impegnando – spiega il presidente della Sasi Gianfranco Basterebbe - a individuare le soluzioni più adeguate ma contro il clima non possiamo fare niente, non possiamo fare miracoli. Non intendo scaricare le responsabilità sulle stagioni, che non sono più quelle di una volta, ma sta di fatto che senza la neve la sorgente del Verde che copre l'82 per cento della risorsa, si prosciuga e non c'è altro modo per alimentarla. Il potabilizzatore potrebbe essere una risposta concreta a situazioni di emergenza come quella che purtroppo molti stanno già vivendo. Intanto continuiamo con la progettazione prevista, non stiamo trascurando nessun elemento utile a ridurre le attuali difficoltà e mi preme ricordare che l'acqua non è un bene illimitato, il suo uso deve essere attento e consapevole. E' un bene prezioso, cerchiamo di non sprecarlo".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi