Giocavano a calcetto e senza mascherina, segnalati alle Forze dell’Ordine - È accaduto ieri nel parco giochi inclusivo di viale Marconi

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Cronaca 13/11

Giocavano a calcetto e senza mascherina, segnalati alle Forze dell’Ordine

È accaduto ieri nel parco giochi inclusivo di viale Marconi

Segnalati dai vicini perché giocavano a calcetto in un parco e senza mascherine. È accaduto ad un gruppo di ragazzi, nel parco giochi di viale Marconi, attorno alle 20 di ieri sera, giovedì 12 novembre.

I residenti, dopo aver visto questo gruppo di giovani, tutti maggiorenni, giocare a calcetto in barba a tutte le norme anticovid, in quello che, tra l’altro, è un parco giochi inclusivo, dedicato quindi ai più piccoli ed ai bambini disabili, hanno immediatamente chiamato la Polizia municipale ed i Carabinieri per segnalare l’accaduto. Una volta sul posto, le forze dell’ordine hanno trovato i ragazzi, una decina, seduti a parlare e tutti con le mascherine sul volto. Non hanno potuto quindi far altro che identificarli ed invitarli ad evitare ancora assembramenti e tornare a casa.

Non è la prima volta che le forze dell'ordine ricevono segnalazioni di questo tipo. Soprattutto durante la prima ondata della primavera scorsa, durante il lockdown, erano tante le chiamate di chi, da dietro la finestra di casa, guardava i famigerati runner o chi portava a passeggio il cane, magari non proprio nelle vicinanze della propria abitazione e telefonava ripetutamente chiedendo l'intervento di Polizia o Carabinieri. Ora, con la seconda ondata, sembra ripetersi lo stesso scenario.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi