Via Corsea, dopo il cedimento del 2018, iniziati i lavori - Messa in sicurezza e riapertura entro il prossimo febbraio
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 09/11

Via Corsea, dopo il cedimento del 2018, iniziati i lavori

Messa in sicurezza e riapertura entro il prossimo febbraio

Da una settimana sono partiti gli attesi lavori per la messa in sicurezza e la riapertura di vico II Corsea. Nei prossimi mesi sarà quindi possibile riaprire al traffico la strada, anche se limitatamente ai mezzi inferiori di tre tonnellate e mezzo. 

"Si tratta di importanti lavori che riguardano la posa in opera di un sistema di micropali prefabbricati che faranno da supporto a una struttura metallica in acciaio zincato, amovibile, composta da pannelli modulari, e la realizzazione di un sistema di allerta e di allarme che entrerà in funzione nel caso in cui dovessero verificarsi delle piene improvvise, come era capitato nel giugno 2018. Speriamo che - dice l’assessore ai Lavori Pubblici, Giacinto Verna - tutti questi interventi possano concludersi, meteo permettendo, entro la fine del mese di febbraio”.

In questi giorni, in particolare, la ditta sta procedendo alle attività di cantierizzazione del tratto di strada interessato dagli interventi. In questa prima fase si procede, inoltre, a un lavoro molto delicato: indagini preliminari, pre-scavo, per individuare e verificare i punti dove andrà realizzato il sistema di micropali.

“È una fase molto delicata perché va individuato nella maniera più esatta e sicura dove andare a posizionare i micropali, che saranno la base sulla quale sarà sistemata la passerella in acciaio in questa prima fase di messa in sicurezza. Di pari passo ai lavori, - sottolinea Verna - proseguiranno le attività di indagine e di studio, propedeutici a individuare e progettare ulteriori interventi di risanamento idraulico e idrogeologico di quelli che sono i problemi del condotto maggiore del Malvò. L’obiettivo è avere pronta nei prossimi mesi una ulteriore progettazione su come risanare dal punto di vista idraulico ed idrogeologico i problemi lungo quell’asse”.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi