Vicario del vescovo positivo al covid, mons. Cipollone in quarantena - L’arcivescovo non potrà partecipare alle celebrazioni di 1 e 2 novembre
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Cronaca 30/10

Vicario del vescovo positivo al covid, mons. Cipollone in quarantena

L’arcivescovo non potrà partecipare alle celebrazioni di 1 e 2 novembre

Don Angelo Giordano è risultato positivo al tampone e deve restare a casa fino alla metà del prossimo mese. Siccome la settimana scorsa ho condiviso un viaggio in macchina con lui, la Asl mi ha posto in quarantena da oggi fino a giovedì prossimo”. A dirlo è direttamente il vescovo dell’arcidiocesi di Lanciano-Ortona, mons. Emidio Cipollone, in una lettera aperta alla chiesa frentana.

“Don Angelo sta abbastanza bene e non ha sintomi particolarmente evidenti. - fa sapere Cipollone - Personalmente sto bene e non ho alcun sintomo ma, ovviamente, non posso uscire e, perciò, non potrò nemmeno partecipare alle celebrazioni del 1 e 2 novembre”.

Per prudenza, nei prossimi giorni, si provvederà ad una nuova sanificazione della Curia che, per questo, resterà chiusa dal 30 ottobre al 4 novembre. Fra l’altro, proprio per non creare reciprocamente dei problemi, sarà opportuno andare in Curia solo dopo aver preso appuntamento.

"Il rischio di contagiarsi è altissimo e, per questo, vi esorto a non abbassare la guardia e a rispettare tutte le regole che ci sono state date. Io e don Angelo - conclude la lettera del vescovo - ci affidiamo alle vostre preghiere e a quelle di tutte le comunità e vi assicuriamo la nostra preghiera”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi