Violenza e disagio giovanile, per Nuova Lanciano necessario potenziamento delle politiche sociali - Centri di aggregazione giovanili ed un occhio alle famiglie più disagiate
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 22/10

Violenza e disagio giovanile, per Nuova Lanciano necessario potenziamento delle politiche sociali

Centri di aggregazione giovanili ed un occhio alle famiglie più disagiate

"Quando in una vicenda di violenza il protagonista è un minore di 13 anni, è necessario porsi qualche domanda sui motivi che spingono un ragazzino a gesti di una violenza inaudita". A dirlo è il movimento civico Nuova Lanciano, per bocca del suo portavoce Alessandro Di Martino, a seguito del pestaggio avvenuto sabato scorso sui binari dell'ex stazione Sangritana.

"Se la prima agenzia educativa è la famiglia, che tipo di situazione vive questo ragazzo tra le mura domestiche? - si chiede Di Martino - Lanciano è un piccolo centro di provincia, dove tutti sono facilmente riconducibili. Le famiglie disagiate si conoscono. Gli uffici preposti le conoscono e le monitorano. Allora nasce il dubbio che forse le criticità non siano da ricercare solamente nel degrado urbano. Esiste anche il degrado sociale, purtroppo. Magari - si legge ancora -è il caso di investire un po' di più sul sociale, non solo attraverso la concessione di sussidi o elemosine".

Un minore che vive in una situazione di disagio va tutelato, preso in carica e accompagnato con un percorso di sostegno atto a prevenire episodi come questo, senza aspettare che la situazione degeneri. Per farlo è però necessario programmare linee di intervento che garantiscano una certa continuità sul territorio.

La proposta di Nuova Lanciano è quella di attivare dei punti di aggregazione giovanile, luoghi in cui gratuitamente i ragazzi possano essere seguiti negli orari extrascolastici e magari avere la possibilità di svolgere attività sportive o artistiche. 

“Nondimeno, - specifica Di Martino - bisognerebbe intervenire per tempo nei contesti familiari dove non vi è più alcuna tutela per il minore: in altri contesti, i minori sono stati allontanati dalla proprie famiglie anche per fatti molto meno gravi di quello su cui oggi tanto si discute. Per questi motivi, - conclude la nota - Nuova Lanciano chiede all'amministrazione in carica di sapere quali siano attualmente le strategie che si stanno adottando in ambito sociale e quali siano i progetti in essere volti alla prevenzione del disagio giovanile”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi