Aggressione all’ex stazione, a sferrare il pugno un tredicenne - Telecamere di videosorveglianza e testimonianze dei presenti per trovare i colpevoli
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Cronaca 20/10

Aggressione all’ex stazione, a sferrare il pugno un tredicenne

Telecamere di videosorveglianza e testimonianze dei presenti per trovare i colpevoli

Sarebbe stato un tredicenne a sferrare il violento pugno a Giuseppe, il 18enne pestato sabato scorso sui binari dell’ex stazione di Lanciano e che ora lotta per la vita all’ospedale civile di Pescara.

Uno sfottò, una discussione, una parola di troppo e Giuseppe e suoi due amici si sarebbero ritrovati ad essere vittime della violenza di una baby gang che, a sentire gli inquirenti, potrebbe essere la stessa che, ormai da tempo, semina il panico tra i ragazzi che abitualmente frequentano i Viali di Lanciano.

Sabato sera, Giuseppe era sui binari della ex stazione insieme agli amici, come fanno tanti giovani della città e, dopo quel pugno, inizialmente si è rimesso in piedi ed è riuscito a tornare a casa dove poi, però, si è sentito male, fino ad avere le convulsioni che lo hanno costretto ad andare in ospedale dove i medici, per precauzione, hanno deciso di metterlo in coma farmacologico. 

Ora i Carabinieri di Lanciano, guidati dal maggiore Vincenzo Orlando, grazie all’ausilio delle telecamere di videosorveglianza e delle testimonianze dei presenti, stanno cercando di ricostruire l’accaduto per capire cosa sia successo e se i colpevoli siano realmente i componenti della baby gang, ormai nota, del posto.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi