Percepiva il reddito di cittadinanza ma non aveva dichiarato 140mila euro di vincite online - Un lancianese smascherato dalla guardia di finanza
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Cronaca 16/10

Percepiva il reddito di cittadinanza ma non aveva dichiarato 140mila euro di vincite online

Un lancianese smascherato dalla guardia di finanza

Da aprile 2019 a settembre 2020 un lancianese ha percepito il reddito di cittadinanza pur avendo a sua disposizione 140mila euro vinti attraverso giochi online. L'uomo è stato però scoperto dalla guardia di finanza, a seguito di una mirata attività investigativa nell'ambito dei servizi "a contrasto dell’economia sommersa e degli illeciti commessi, mediante false attestazioni, ai fini dell’ottenimento del reddito di cittadinanza". 

Grazie ad un’attenta analisi delle informazioni presenti nelle banche dati in uso al Corpo, "i finanzieri hanno accertato la falsità delle attestazioni rilasciate dal richiedente, che aveva omesso di indicare le ingenti vincite generate da giochi online come scommesse, poker e casinò virtuali - spiega in una nota il capitano Marco Spada, comandante della Compagnia di Lanciano -. Nella dichiarazione tesa a ottenere il Reddito di Cittadinanza, il lancianese si era dimenticato di indicare le vincite, ottenendo, in tal modo, il sussidio, e percependo indebitamente quasi 18.000 euro da aprile 2019 a settembre 2020. Come si legge nel cosiddetto decretone (decreto legge 4 del 2019, poi convertito in legge 26 del 2019), infatti, le vincite oltre i 6.000 euro prevedono la revoca e perdita del beneficio".

Al termine degli accertamenti le Fiamme Gialle hanno denunciato l'uomo alla Procura della Repubblica di Lanciano. Rischia una condanna fino a sei anni di reclusione. 

Inoltre, la sua posizione è stata segnalata all’Inps competente ai fini della revoca del beneficio con conseguente disattivazione della relativa carta di pagamento elettronica e per il recupero delle somme indebitamente percepite. 

L’azione investigativa posta in essere dalle Fiamme Gialle a tutela della spesa pubblica ha il fine di prevenire gli sprechi di denaro e di controllare il corretto impiego delle risorse, assicurando che l’accesso ad agevolazioni e sussidi avvenga a favore di coloro che ne hanno effettivamente bisogno. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi