Marcello Marciani vince il premio di poesia dialettale "Pierluigi Cappello" - La premiazione oggi al festival "Pordenonelegge"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Cultura 17/09

Marcello Marciani vince il premio di poesia dialettale "Pierluigi Cappello"

La premiazione oggi al festival "Pordenonelegge"

Con l’opera Revuçegne/Rovistamenti, edita nel 2019 dalla casa editrice Puntoacapo, il poeta lancianese Marcello Marciani si è aggiudicato il gradino più alto del podio alla terza edizione del Premio “Pierluigi Cappello” di Barcis (PN). La cerimonia di premiazione si svolgerà oggi, giovedì 17 settembre, alle 18, a Pordenone, nella Loggia del Municipio, nell’ambito del prestigioso Festival “Pordenonelegge”.

Pierluigi Cappello - racconta Marcello Marciani, visibilmente emozionato - nel 1999 aveva partecipato al Premio Nazionale di poesia in dialetto “Lanciano-Mario Sansone”, di cui ero segretario organizzatore, vincendo il primo premio ex-aequo. A distanza di ventuno anni, ricevere un premio a lui dedicato è motivo per me di grande soddisfazione e anche di più: è come un’eco, un rimando attraverso il tempo, che diventa memoria e legame al tempo stesso”.

Il "Premio Pierluigi Cappello", nato nel 2018 in ricordo del poeta friulano scomparso prematuramente l’anno prima, prevede due sezioni: una riservata a libro di poesia nei dialetti e nelle lingue minoritarie edito nel corso dell’anno; l’altra a un libro di poesie per bambini e ragazzi in lingua italiana o nei dialetti e nelle lingue minoritarie, edito nei 12 mesi precedenti il premio. La giuria è composta da poeti e critici qualificati: Aldo Colonnello, Fabio Franzin, Valentina Gasparet, Roberto Malattia, Maurizio Salvador, Christian Sinicco, Gian Mario Villalta e Giacomo Vit.

Revuçegne (Rovistamenti), di Marcello Marciani, è un’opera in dialetto abruzzese d’area frentana, suddivisa in quattro parti intitolate agli elementi della Cosmogonia (Foche, Terre, Arie, Acque), e “rovista” fra passato e presente, memoria privata e collettiva, scavo interiore e dimensione epica. L’ampio ventaglio dei temi spazia dall’amore (Foche) alla degradazione e rigenerazione ambientale (Terre e Acque), dalla nostalgia per i cari scomparsi (Arie) all’anelito verso una rinnovata immersione vitale presente in tutte le sezioni. Il ritmo incalzante, le diverse strutture metriche e la lingua materica, che impasta termini arcaici o desueti con neologismi e forestierismi, ne fanno un’opera di compatta e originale energia espressiva.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi