Arrivano dalla Toscana i nuovi proprietari del Lanciano Calcio: "Aspettate a giudicarci" - Partenza in salita per una squadra che, ad oggi, è ancora una scatola vuota

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Sport 08/09

Arrivano dalla Toscana i nuovi proprietari del Lanciano Calcio: "Aspettate a giudicarci"

Partenza in salita per una squadra che, ad oggi, è ancora una scatola vuota

“Aspettate a giudicarci, dateci una possibilità e stateci vicino”. Così la nuova proprietà del Lanciano Calcio si è presentata ieri, allo stadio Guidio Biondi, a bordo campo, di fronte a numerosi tifosi ancora scettici.

La nuova proprietaria e presidente, Cristina Chiaretti, il vice presidente Claudio Alluni ed il segretario Giampaolo Gorelli hanno parlato a stampa e tifoseria “senza promettere la luna” ma, con piedi ben piantati a terra, soprattutto alla luce di quanto trovato dopo l’acquisto della società dall’ex presidente Fabio De Vincentiis. “Abbiamo trovato una scatola vuota, è stato come comprare la Fontana di Trevi nel famoso film di Totò, qui non c’è nulla. - ha detto il vice presidente Alluni - Ci avevano assicurato una rosa già formata e invece ci troviamo ad una settimana dalla prima gara in Coppa Italia, senza neanche un calciatore. È una bella sfida per noi, in salita, ma ce la metteremo tutta”.

A sette giorni dalla prima gara ufficiale, insomma, i rossoneri sono in alto mare, con una nuova proprietà arrivata direttamente dalla Toscana, ma con una squadra che, al momento, è solo una scatola vuota. “Domani (oggi per chi legge, ndc) contiamo di presentare l’allenatore e di iniziare a tesserare i nuovi calciatori. - ha spiegato Alluni - Ma qui non c’hanno fatto trovare nulla, dalle lavatrici, alle chiavi del pullman, alle password per effettuare i tesseramenti, dobbiamo quindi fare un passo alla volta, sapendo già da ora che quella che ci apprestiamo ad iniziare non sarà una stagione facile”.

Già operatori nel settore di marketing e comunicazione e amministratori di aziende che si occupano di disinfezione soprattutto in tempo di Covid, Alluni e la Chiaretti hanno provato a sedare dubbi e polemiche già nati in seno ad una tifoseria esigente e schietta come quella frentana, ancor prima del loro arrivo ufficiale. “Noi siamo qui per lavorare bene e vi promettiamo un campionato dignitoso, aspettate a giudicarci - hanno detto i due - e dateci un po’ di respiro. Qui c’è tutto da ricostruire, ma insieme possiamo fare grandi cose”.

Nei prossimi giorni, assicurano presidente e vice, anche l'incontro con l'amministrazione comunale.

Oggi, quindi, insieme al direttore sportivo Antonio Paciarella, vecchia conoscenza dei rossoneri, inizia l’allestimento della squadra per una stagione che parte già in salita e per una piazza come quella di Lanciano, abituata a scenari assai diversi, sembrerebbe un scenario non facile, ma si sa “la palla è tonda”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi