"Vicenda della Tac al Renzetti dimostra la mancanza di programmazione dell’assessorato regionale" - Progetto Lanciano: "Asl e Regione dotino l’ospedale di strumentazione adeguata"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 13/08

"Vicenda della Tac al Renzetti dimostra la mancanza di programmazione dell’assessorato regionale"

Progetto Lanciano: "Asl e Regione dotino l’ospedale di strumentazione adeguata"

Giacinto Verna, coordinatore politico di Progetto Lanciano e il coordinatore cittadino Daniele Pagano, tornano sulla discussa questione dell'assegnazione della Tac all'ospedale Renzetti.

"Le notizie che arrivano dal verbale dell'ultimo tavolo di monitoraggio del ministero della Salute - dichiarano -, parlano di nuove critiche alla Regione Abruzzo sulla gestione della sanità. Da Roma fanno osservazioni sui ritardi del piano sanitario 2019-2021, sul fatto che non c'è traccia del piano della rete ospedaliera e del conseguente piano delle assunzioni e sulla mancanza di un programma di investimenti per i nuovi ospedali".

"Se è vero che il governo regionale di centrodestra non riesce a disegnare le linee guida, la strategia, di quello che sarà la sanità abruzzese nei prossimi anni, se si demandano le decisioni a Roma per poi avere questo tipo di risposte in negativo – proseguono -, non ci dobbiamo meravigliare delle carenze nella Asl2 e in particolare nel nostro ospedale Renzetti che, tuttora, lamenta la mancata nomina di primari, carenze di personale medico e infermieristico e di investimenti sulle strutture, nonché problemi logistici".

"La vicenda della Tac – affermano -, prima assegnata a Lanciano e poi dirottata a Vasto, è solo la cartina tornasole di un assessorato regionale che non è in grado di programmare, che non ha lungimiranza su cosa e dove investire visto che un'apparecchiatura diagnostica può cambiare destinazione così rapidamente in base agli umori di un direttore generale".

"Lanciano non deve elemosinare per una Tac. Asl e Regione devono dotare della adeguata strumentazione l'ospedale Renzetti, rimettendo al centro la salute dei cittadini. Ma soprattutto devono decidere quale vocazione dare ai nostri ospedali, ai nostri territori, per investire seriamente e rapidamente sulla medicina del territorio, riempiendo di contenuto le strutture esistenti e programmando i reali investimenti per il futuro, per far sì che un ospedale designato come Dea di primo livello, come è il Renzetti, sia realmente tale. E per non scadere più in simili diatribe".

 

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi