Pista ciclopedonale su ex tracciato Sangritana, da Ascom dura critica al progetto di Pupillo - Allegrino: "Mai concretezza, solo progetti che non portano alcuna economia in città"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 08/08

Pista ciclopedonale su ex tracciato Sangritana, da Ascom dura critica al progetto di Pupillo

Allegrino: "Mai concretezza, solo progetti che non portano alcuna economia in città"

Angelo Allegrino"Mai concretezza, solo progetti che non portano alcuna economia in città". È il commento di Ascom Abruzzo e del suo presidente Angelo Allegrino al progetto, presentato ieri in Comune dal sindaco di Lanciano Mario Pupillo, della pista ciclopedonale da realizzare sull'ex tracciato ferroviario della Sangritana [LEGGI].

Un tracciato, dismesso da anni, che l'amministrazione civica vuole ora trasformare in una ciclovia che collegherebbe diversi altri piccoli centri e che andrebbe ad incrementare la rete ciclabile già realizzata dalle amministrazioni a guida Pupillo.

"Abbiamo tutti davanti agli occhi - dichiara Allegrino - il deserto creato in via del Mare dalla pista ciclabile voluta dall’attuale governo cittadino. Un'opera che è uno sfacelo e che ha generato non poche difficoltà alle attività commerciali esistenti su quella strada, dove tra l'altro, dopo la trasformazione in pista ciclabile, sono successe decine di incidenti. In via Panoramica viene spacciato per pista ciclabile un budello ritagliato sull'asfalto e spesso intasato di auto parcheggiate e quindi impraticabile". 

"Adesso il Comune vuole realizzare un'altra pista ciclabile – continua Allegrino -, addirittura accollandosene i costi. Invece di pensare ad azioni che possano riportare gente in città, favorendo un'economia che annaspa e che mostra solo serrande di negozi chiusi, si pensa ancora alle chimere. In un momento di buio assoluto, con le imprese in difficoltà e le famiglie che stanno ancora peggio".

"Tra l'altro, ha l'aria di uno di quei progetti che vengono estratti dai cassetti per tirare la volata alle elezioni amministrative del prossimo anno. Perché non pensare, invece, - afferma Allegrino - ad un progetto che, in una sinergia tra enti e istituzioni, porti, ad esempio, alla riattivazione del Treno della Valle che, grazie ad una lungimirante intuizione, anticipando di 30 anni il turismo sostenibile, rappresentava una risorsa per il territorio e una gran bell’iniziativa".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi