Operazione "Doppio gioco", arrestata anche la moglie del collaboratore di giustizia - La 35enne aveva un ruolo di primo piano nella gestione della droga

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Cronaca 07/08

Operazione "Doppio gioco", arrestata anche la moglie del collaboratore di giustizia

La 35enne aveva un ruolo di primo piano nella gestione della droga

F.G. di 35 anni è stata posta agli arresti domiciliari dai carabinieri della compagnia di Lanciano, diretta dal capitano Vincenzo Orlando, nell'ambito dell'operazione antidroga "Doppio gioco" del giugno scorso [LEGGI]. La donna, moglie del collaboratore di giustizia arrestato nella prima fase dell'inchiesta sullo spaccio di droga che aveva portato anche al sequestro di mezzo chilo di cocaina, era stata trasferita nel frattempo in un'altra località protetta in virtù del suo status.

Gli arresti domiciliari sono scattati su richiesta del pm Francesco Carusi che ha ottenuto l'accogliemento del gip del Tribunale di Lanciano Massimo Canosa. Gli ulteriori sviluppi delle indagini dei carabinieri hanno evidenziato una spiccata pericolosità sociale dell'indagata "ritenendola capace di commettere nuovi reati della stessa specie e riconoscendole un ruolo significativo e pregnante nell’attività di gestione e detenzione di sostanze stupefacenti poste in essere congiuntamente al marito".

"È infatti emerso nelle indagini – spiegano i militari – che la donna ha più volte partecipato allo spaccio delle dosi e al trasporto di ingenti quantitativi di stupefacente, nonché si è adoperata personalmente per l’individuazione e la persuasione dei soggetti individuati quali custodi della droga, ponendo in essere, altresì, nei loro confronti, anche condotte indirettamente volte a condizionarne i comportamenti ricercando insistentemente un contatto con loro e facendosi spesso notare nei pressi delle loro quotidianità, ingenerando negli stessi la convinzione di un chiaro atteggiamento intimidatorio". La prossima settimana la 35enne sarà sottoposta all’interrogatorio di garanzia.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi