Lanciano è "Città che legge" anche per il biennio 2020-2021 - Miscia:"Conferma è riconoscimento importante al lavoro svolto e spinta a migliorare"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 10/07

Lanciano è "Città che legge" anche per il biennio 2020-2021

Miscia:"Conferma è riconoscimento importante al lavoro svolto e spinta a migliorare"

È arrivata la conferma dal Centro per il libro e la lettura del ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo: anche per il biennio 2020-2021, Lanciano è 'Città che legge'.

Il Cepell, che aveva per la prima volta conferito il riconoscimento di 'Lanciano Città che Legge' nel precedente biennio, ha comunicato nei giorni scorsi la conferma della qualifica dopo l'avviso pubblicato nel mese di febbraio per ricevere le candidature. "Il Centro per il libro e la lettura, d’intesa con l'Anci, intende promuovere e valorizzare con la qualifica di Città che legge l'Amministrazione comunale che si impegni a svolgere con continuità politiche pubbliche di promozione della lettura sul proprio territorio – si legge sul sito www.cepell.it - attraverso la qualifica di 'Città che legge' si intende riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale delle comunità urbane attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva". Lanciano è tra le 258 città d'Italia dai 15.001 ai 50.000 abitanti a ricevere il riconoscimento.

"La conferma di Lanciano Città che Legge è un riconoscimento importante al lavoro svolto in questi anni e una spinta ulteriore a fare ancora meglio - dichiara l'assessora alla Cultura Marusca Miscia -. Ci siamo lasciati alle spalle un periodo difficile in cui la lettura e la cultura hanno rappresentato un'ancora di salvataggio, anche grazie al digitale: ora è il momento di investire con decisione nella direzione di una cultura accessibile, fruibile, che sappia indicare la strada a una comunità ferita ma desiderosa di rialzarsi".

"È un risultato che la città ha dimostrato di meritare, forte di esperienze positive proposte dalla Biblioteca comunale, dal Polo Museale, dalle tante librerie, associazioni culturali e realtà sia pubbliche che private impegnate in prima linea per la diffusione della lettura come strumento di crescita comunitaria - afferma l'assessora Miscia -. È un riconoscimento che consentirà a Lanciano e ai tanti impegnati sul tema della lettura di partecipare ai bandi che il Cepell diffonderà nelle prossime settimane per premiare i progetti più meritevoli con l’attribuzione di contributi economici, premi ed incentivi, nel biennio 2020-2021".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi