Baomarc, "lo stabilimento frentano sarà centrale nella strategia aziendale" - Incontro tra Febbo e i rappresentanti della multinazionale
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 03/07

Baomarc, "lo stabilimento frentano sarà centrale nella strategia aziendale"

Incontro tra Febbo e i rappresentanti della multinazionale

"Andare avanti con il crono programma stabilito durante l'ultima call del 10 giugno scorso con Ministero, Regione e sindacati portando a termine gli accordi sottoscritti in seguito all'acquisizione dell’ex Honeywell di Atessa". A comunicarlo è l’assessore regionale alle Attività produttive, Mauro Febbo, che specifica come "ieri mattina ho ricevuto in Regione sia l'amministratore delegato della Baomarc Andrea Mazzesi sia il direttore delle risorse umane Salvatore Del Core per una verifica degli impegni assunti. La società ha chiarito innanzitutto come la scelta di chiudere lo stabilimento di Melfi non pregiudica assolutamente gli accordi assunti dopo l'acquisizione dello stabilimento ex Honeywell, ma tutt’altro. Lo stabilimento frentano diventerebbe infatti luogo di riferimento e centrale all'interno di una strategia aziendale più complessiva. Inoltre abbiamo concordato la necessità di  convocare un incontro tecnico tra le parti per valutare opportunità e misure di sostegno utili alla ricollocazione dei lavoratori, anche alla luce dei provvedimenti governativi assunti per contrastare il Covid-19. Ovviamente – conclude Febbo – sarà mia premura continuare a vigilare sul pieno rispetto degli accordi presi come il reinserimento degli ex lavoratori Honeywell".

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi