Rissa in centro, denunciati tre giovani - Uno dei tre aveva tentato di incendiare il negozio della madre dell’aggredito
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Cronaca 19/06

Rissa in centro, denunciati tre giovani

Uno dei tre aveva tentato di incendiare il negozio della madre dell’aggredito

Sono stati identificati e denunciati dai carabinieri i tre giovani protagonisti della lite, sfociata in una vera e propria rissa, sabato scorso, di fronte un bar del centro.

La lite tra i giovani, tra viale delle Rose e l’area della vecchia stazione ferroviaria, era scoppiata per futili motivi, sembrerebbe per un accendino, intorno alle 2 nella notte tra sabato e domenica scorsa. Poi, più tardi, qualcuno aveva lanciato una bottiglia contro la serranda di un negozio,  contenente del liquore e dei fazzolettini di carta, un rudimentale congegno che avrebbe dovuto prendere fuoco ma che non ha provocato danni, vista anche la qualità della bevanda, un semplice limoncello.

Da subito, i carabinieri della stazione di Lanciano intervenuti per ricostruire i fatti, hanno ricollegato i due episodi ed hanno quindi ricostruito la vicenda. Grazie alla presenza delle telecamere del circuito di videosorveglianza e di altre presenti nei pressi di alcuni esercizi commerciali delle zone interessate dai fatti, i militari hanno potuto visionare diverse immagini ed “incastrare” così i partecipanti all’aggressione del giovane 23enne Z.M.

Dalle indagini è scaturita, pertanto, l’identificazione di tre giovani, un ragazzo e due ragazze, che, verosimilmente anche sotto l’effetto di alcool, all’interno del locale hanno commesso l’aggressione, colpendo lo Z.M. con calci e pugni, provocandogli lesioni al volto giudicate guaribili dai sanitari del Pronto Soccorso in 10 giorni.

A finire nei guai sono stati D.R.S. 34enne di Lanciano, D.C.F. 22enne di Crecchio e G.I. 24enne di Lanciano, che dovranno pertanto rispondere di rissa. Inoltre. D.R.S. dovrà anche rispondere del tentativo di danneggiamento perpetrato, qualche ora dopo la rissa, contro il negozio di ortofrutta di viale Cappuccini di proprietà della madre dell’aggredito. Grazie alle immagini ed alla testimonianza di alcuni residenti, i carabinieri hanno accertato che D.R.S., probabilmente intimorito da una probabile azione legale da parte dello Z.M., ha realizzato in tutta fretta una rudimentale bottiglia incendiaria che ha scagliato contro la saracinesca dell’esercizio pubblico dandosi poi alla fuga a bordo di un’utilitaria. Sono in corso ulteriori accertamenti riguardo alla vicenda, stante anche la presenza di un notevole numero di testimoni, non potendosi escludere la partecipazione all’atto aggressivo anche di altri giovani.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi