Centri estivi, pronto il bando del Comune di Lanciano - 50 mila dall’assessorato per compartecipare alle spese delle famiglie
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 03/06

Centri estivi, pronto il bando del Comune di Lanciano

50 mila dall’assessorato per compartecipare alle spese delle famiglie

Ammonta a 50mila euro una prima somma messa sul tavolo dall’assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Lanciano per il bando pubblicato per l'individuazione dei soggetti interessati all'organizzazione e alla gestione dei centri estivi per bambini e ragazzi dai 3 ai 17 anni. 

“Partiamo con grande fiducia e spirito di collaborazione con gli enti, i soggetti privati e le realtà associative che vorranno raccogliere la sfida di organizzare e gestire dei centri estivi in questa fase di convivenza responsabile con la pandemia da coronavirus. - dice l’assessore Dora Bendotti - I nostri bambini dopo tre mesi di lockdown hanno bisogno, necessità, direi urgenza di riappropriarsi degli spazi e delle relazioni nella massima sicurezza che le linee guida governative tracciano nell'interesse della salute di tutti”.

L'avviso e gli allegati con modello di domanda e patto di responsabilità sono consultabili integralmente nel sito istituzionale del Comune di Lanciano all'indirizzo www.bit.ly/gestionecentriestivi; le domande dei soggetti interessati ad organizzare centri estivi secondo le linee guida indicate dai Dpcm inerenti l'emergenza sanitaria da coronavirus, dovranno essere inviate tramite mail alla pec comune.lanciano.chieti@legalmail.it entro le ore 11 di lunedì 8 giugno. Con successivi atti, il settore Servizi alla Persona approverà i progetti coerenti con quanto previsto nelle linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell'emergenza covid-19.

“Tutti gli enti o associazioni che intendono organizzare un centro estivo - spiega l’assessore - dovranno obbligatoriamente presentare il loro progetto all’amministrazione che, come previsto dal Dpcm, dovrà a sua volta aprrovarlo. Senza approvazione, qualsiasi attività potrebbe essere sanzionabile”. Il secondo passaggio sarò quello della richiesta di accreditamento che, a differenza dell’approvazione non è affatto obbligatoria ma, come ribadita dall’assessore, fortemente consigliato. 

“Abbiamo deciso - precisa la Bendotti - di mettere a disposizione delle famiglie 50 mila euro sotto forma di voucher per compartecipare alla spesa che andranno a sostenere per i centri estivi. La scelta della famiglia sarà autonoma tra le varie proposte dei centri che verranno approvate dai nostri uffici e che renderemo note sul nostro sito istituzionale. Nella compartecipazione che promuoveremo attraverso un nuovo avviso che intendiamo pubblicare entro la prossima settimana, - conclude - avremo una particolare attenzione nell'accesso al servizio per i bisogni delle famiglie con maggiori difficoltà nella conciliazione fra cura e lavoro”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi