Striscione della Lega sui cancelli del liceo scientifico, la scuola si dissocia - Insegnanti e studenti: "La scuola è e deve restare un luogo apartitico"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 27/05

Striscione della Lega sui cancelli del liceo scientifico, la scuola si dissocia

Insegnanti e studenti: "La scuola è e deve restare un luogo apartitico"

Caos e incompetenza, Azzolina fatti tu l’esame di… coscienza”. È questo il testo nello striscione apparso qualche giorno fa sui cancelli del liceo scientifico Galilei di Lanciano con tanto di simbolo della Lega.

E né insegnanti, né rappresentanti degli alunni hanno tardato a dissociarsi. “Riteniamo la scuola un luogo di dialogo, di confronto, libero da connotazioni di carattere politico/partitico e chiediamo che resti tale. - dice la dirigente scolastica, Eliana De Berardinis, a nome dell’intera comunità scolastica - L’istituzione scolastica ha il compito di promuovere e valorizzare la crescita individuale, sociale, culturale e spirituale di ciascuno studente, al fine di aiutarlo ad affrontare il processo di formazione della propria personalità, rendendo l’alunno in grado di agire consapevolmente nella realtà e nella società che lo circonda. È questo il modello cui si ispira la scuola, volta a formare il cittadino di domani. Educhiamo alla cittadinanza attiva: - prosegue - collocando l’esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti, a tutela della persona, della collettività e dell’ambiente e sempre nel pieno rispetto dei diversi punti di vista delle altre persone”.

E anche gli stessi studenti si dissociano dall’accaduto. “La scuola è un luogo apartitico, - dicono in un post sui social - in cui ogni studente deve essere libero di sviluppare un proprio pensiero critico”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi