"Come cambierà il lavoro dopo il coronavirus?" - Nuovi modelli, ipotesi e progetti nel webinar di RATI
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 08/05

"Come cambierà il lavoro dopo il coronavirus?"

Nuovi modelli, ipotesi e progetti nel webinar di RATI

Come cambierà il lavoro dopo il Coronavirus?” Dallo smart working alle distanze di sicurezza. Quali saranno le novità? Quale il nuovo ruolo di Industria 4.0?

Si interroga su queste importantissime tematiche l’associazione RATI (Rete di Abruzzesi per il Talento e la Innovazione) nel primo di una serie di webinar in programma il prossimo lunedì 11 maggio alle 18 sulla pagina Facebook e il canale Youtube dell’associazione.

A confrontarsi sul tema saranno Marco Bentivogli (segretario nazionale dei metalmeccanici della CISL) e Diodato Pirone (giornalista economico de Il Messaggero), entrambi esperti di fama nazionale e che hanno raccolto i loro pensieri e le loro indagini territoriali nella recente pubblicazione “Fabbrica futuro” (Egea).

“Chi ha conosciuto bene l’associazione RATI – sottolinea il presidente, Giovanni Di Fonzo, nella presentazione dell’iniziativa - sa che per occuparsi con serietà e impegno di problematiche così cruciali non aveva bisogno dell’arrivo del virus criminale che sta mettendo a soqquadro l’intera umanità. Anche di fronte ad una situazione densissima di criticità come quella attuale, RATI non può e non vuole rimanere ferma, inerme e spaventata. Lo impediscono le ragioni della sua nascita, della sua esistenza e della sua opera, anzi, le stesse sono diventate ancora più forti, motivanti, sfidanti”.

In queste settimane registriamo di tutto, cambiamenti dati per impossibili che, pur nel fisiologico disordine, vanno prendendo forma concreta, teorie economiche indiscutibili vengono messe in discussione alla radice, forme altissime di solidarietà umana inimmaginabili si moltiplicano.

Sulla base di queste brevissime parziali premesse, RATI si pone le domanda sul dopo pandemia: possiamo pensare che tutto possa tornare come prima, come sempre? RATI pensa e spera di no.

E partendo da questa convinzione/desiderio intende promuovere delle occasioni di approfondimento delle principali tematiche con l’ausilio di personalità di prestigio.

“L’esordio – rimarca Di Fonzo - lo vogliamo dedicare al lavoro, sul come sarà, quali i cambiamenti, quali le opportunità. Si parlerà anche di noi, della Val di Sangro, dell’intero sistema industriale che attraverserà momenti complicati per il superamento dei colpi ricevuti da questa terribile e infinita pandemia, del nostro prestigioso ITS della Meccatronica e della sua preziosa azione di alta formazione dei nostri giovani fondamentali per le nostre aziende. Ascolteremo argomentazioni positive, parole di speranza, inviti al sistema imprenditoriale di cercare collaborazioni positive e rafforzamento dei legami con il territorio e la comunità locale e regionale”.

L’auspicio dell’associazione è quella di trovare da parte di tutte le componenti del sistema sociale ed economico ragioni forti e motivanti per una reazione positivamente adeguata a tutto quello che di distruttivo sta provocando il Virus, dando vita ad un balzo in avanti in una innovazione complessiva, pervasiva e profonda.

I canali su cui sarà possibile assistere al webinar, e fare domande ai due relatori, sono la pagina Facebook dell’associazione (RATI – Rete di Abruzzesi per il Talento e l’Innovazione) e il canale Youtube (Associazione Rati Abruzzo).

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi