Funerali, ecco tutte le disposizioni della diocesi di Lanciano-Ortona - Distanziamento, mascherine, termoscanner e rigorosa sanificazione
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 01/05

Funerali, ecco tutte le disposizioni della diocesi di Lanciano-Ortona

Distanziamento, mascherine, termoscanner e rigorosa sanificazione

A seguito del DPCM dello scorso 26 aprile, che prevede un ulteriore adeguamento delle norme riguardanti le celebrazioni dei funerali dal 4 maggio, le chiese si adeguano con nuove norme sanitarie da rispettare rigorosamente.

Si provvederà alla misurazione della temperatura corporea, attraverso termometro digitale o termo-scanner, l’utilizzo della mascherina, la distribuzione dell’Eucaristia da parte del celebrante con cura minuziosa dell’igiene delle proprie mani e la regolare sanificazione della chiesa.

Si provvederà poi all’individuazione di un addetto alla sicurezza e di un gruppo di volontari a cui affidare il servizio d’ordine per una ordinata celebrazione “in sicurezza”.

“È mia premura comunicare che, - dice l’arcivescovo dell’arcidiocesi Lanciano-Ortona, don Emidio Cipollone - qualora i parroci e gli amministratori parrocchiali non abbiano già conseguito un pieno raggiungimento delle condizioni richieste (la qual cosa dovrà essere comunicata alla Curia Arcivescovile, che ne verificherà il soddisfacimento) questi saranno tenuti, fino a quando non saranno disposte misure con Decreto Arcivescovile, a celebrare la sola benedizione esequiale direttamente al Cimitero, come normato dalle disposizioni attuative dello scorso 12 marzo”.

L’Arcidiocesi, in aiuto alle comunità parrocchiali, è impegnata economicamente sin da ora nella ricerca tempestiva di mezzi e strumenti idonei a che tutti i parroci e amministratori parrocchiali possano svolgere il ministero pastorale “in sicurezza” durante il periodo di emergenza.

"Ricordo a tutti i sacerdoti, - conclude don Emidio - in qualità di cittadini responsabili, di osservare con molta cura e prudenza le norme igienico-sanitarie emanate dallo Stato e recepite dalla Chiesa Italiana; ne va della salute dei nostri fedeli e della credibilità della chiesa”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi