Sequestrati 600 grammi di droga pronti ad entrare nel carcere di Lanciano - Perquisizioni extra dei pacchi postali in arrivo ai detenuti
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Cronaca 15/04

Sequestrati 600 grammi di droga pronti ad entrare nel carcere di Lanciano

Perquisizioni extra dei pacchi postali in arrivo ai detenuti

600 grammi di droga, ben nascosti all’interno di generi alimentari, sono stati sequestrati dagli agenti della Polizia penitenziaria durante l’attività di controllo di pacchi postali inviati a detenuti alta sicurezza da parte dei loro familiari, impedendo così che il quantitativopotesse essere introdotto all’interno dei reparti detentivi per consumo e spaccio.

Il sostituto procuratore della Repubblica del tribunale di Lanciano, Francesco Carusi, ha convalidato il sequestro ed avviato le indagini a carico di due detenuti delle sezioni alta sicurezza e dei loro familiari, residenti nel napoletano.

L’attuale situazione di disagio e blocco degli spostamenti per l’emergenza epidemiologica da Covid-19, che ha indotto l’amministrazione penitenziaria a vietare i colloqui dei detenuti con i propri congiunti, ha comportato l’aumento di pacchi postali inviati agli stessi dall’esterno dai propri parenti, per cui notevole è stato l’aggravio di lavoro per gli uomini della polizia penitenziaria consistente in minuziosi a ed accurati controlli eseguiti sia mediante sofisticati apparecchi a raggi x, che con l’ausilio delle unità cinofile.

“Ringrazio per l’operato gli uomini del reparto,  - commenta il comandante del reparto della Casa circondariale, Gino Di Nella - contraddistintisi per l’elevata efficienza e professionalità e sottolineando come, nonostante le difficoltà del momento in cui si è costretti ad operare anche a causa dell’emergenza Coronavirus, l’operazione rientri nell’ambito di una costante attività di prevenzione e contrasto all’indebita introduzione negli istituti penitenziari di  sostanze stupefacenti ed oggetti pericolosi per l’ordine e la sicurezza interni”. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi