"Resta a casa... l’Aquilone vola da te", l’iniziativa socio-assistenziale dell’Anffas - Continuare a prendersi cura di chi ora è costretto in casa

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 25/03

"Resta a casa... l’Aquilone vola da te", l’iniziativa socio-assistenziale dell’Anffas

Continuare a prendersi cura di chi ora è costretto in casa

“Resta a casa… L’Aquilone vola da te” è l’iniziativa dell’Anffas di Lanciano, per mantenere viva la mission ed i principi associativi soprattutto in questo momento emergenziale. 

Il progetto quale prevede supporto di tipo sociosanitario, psicologico ed educativo (ossia pratico gestionale per i casi in cui si riscontrano difficoltà nell’individuare attività e stimoli da proporre ai propri cari con disabilità o nel gestire eventuali situazioni problema) sia a distanza che, laddove necessario, in modalità domiciliare. Il programma è stato avviato già dal 12 marzo con contatti di mappatura dei bisogni degli interlocutori dell’Anffas Onlus di Lanciano e delle loro possibilità/competenze tecnologiche.

Attualmente, sono stati attivati laboratori di teatro, scrittura creativa, musicoterapia ed arteterapia in video/connessione, a cui si sono aggiunti la produzione e l’invio telematico di materiali stimolo per il lavoro indipendente di tipo cognitivo, per le abilità domestiche, la motricità globale e la manualità. Sono altresì operativi uno sportello di ascolto psicologico, uno informativo di tipo sociosanitario ed uno di supporto educativo. Anche il S.A.I. (Servizio di Accoglienza ed Informazione) continua ad affiancare i care giver nel disbrigo delle consuete pratiche e di quelle relative a questo specifico periodo di emergenza. 

Lo scopo è quello di restare un punto di riferimento per le persone di cui ci si prende quotidianamente cura e non solo, supportandole in questo difficile momento e permettendo loro di avere costanti contatti sociali e relazionali, di continuare con le attività abilitanti di cui hanno fruito fino a poche settimane fa, di godere di un momento di svago in queste lunghe giornate “casalinghe”… per continuare ad esserci, distanti ma vicini.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi