Verì: "Lanciano è e resterà un presidio di primo livello" - L’assessore Verì ed il direttore Schael rispondono alle accuse
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 25/02

Verì: "Lanciano è e resterà un presidio di primo livello"

L’assessore Verì ed il direttore Schael rispondono alle accuse

L’ospedale di Lanciano è e resterà un presidio di primo livello”. Ad assicurarlo è l’assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, intervenuta questa mattina in conferenza stampa a Lanciano con il direttore generale della Asl Lanciano-Chieti-Vasto, Thomas Schael, il consigliere regionale della Lega Emanuele Marcovecchio e l’assessore regionale Nicola Campitelli.

E dopo le polemiche delle scorse settimane sul depotenziamento degli ospedali di Lanciano, Vasto e Atessa, della mancanza di anestesisti e accentramento verso Chieti dei servizi, i vertici regionali e dell’azienda sanitaria hanno deciso di rispondere alle accuse mosse a loro carico.

“Ci attiveremo affinché verrà realizzata anche una rete tra quello che è l’ospedale Renzetti e la realtà frentana - ha detto la Verì - con attenzione al territorio ed al rinforzo di ciò che ora non va. L’ospedale avrà delle vocazioni ancora da decidere - ha spiegato - entrerà in una rete che lo collegheranno agli altri ospedali a seconda delle specializzazioni”. E sulla costruzione del nuovo ospedale afferma che si è al lavoro per valutare gli accordi di programma con il Ministero e - ha specificato - appena avremo delle risposte, porteremo avanti le procedure”.

Si è quindi parlato di appropriatezza e reale fabbisogno per rispondere a chi parla di tagli e accorpamenti ingiustificati. “La nostra è una gestione consapevole e responsabile - ha detto Schael - che sta provando a far fronte ai buchi di bilancio senza privare i cittadini dei servizi primari. Siamo nel 2020 - ha concluso - dobbiamo trovare il coraggio di ammettere che, ad oggi, l’ospedale è la peggior risposta alle esigenze di salute dei cittadini e per questo, muoverci in modo che dei nuovi servizi possano muoversi nella direzione delle nuove esigenze”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi