Di Naccio: "Ho scelto la Lega per proseguire il mio percorso politico nel segno del fare" - Ambiente, infrastrutture e commercio puntando all’unità del centrodestra
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


2 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Politica 25/02

Di Naccio: "Ho scelto la Lega per proseguire il mio percorso politico nel segno del fare"

Ambiente, infrastrutture e commercio puntando all’unità del centrodestra

“Ho scelto di passare alla Lega per intraprendere un nuovo percorso, più costruttivo e per fare, soprattutto in vista delle amministrative del 2021”. Così Antonio Di Naccio ha spiegato il suo passaggio dal gruppo di Libertà in Azione alla Lega, facendo così entrare ufficialmente il partito di Salvini in consiglio comunale a Lanciano.

“Dopo Progetto Lanciano e Libertà in Azione - ha spiegato Di Naccio - ho guardato al mio percorso politico e ho deciso che era arrivato il momento di entrare in un partito, più strutturato e che potesse portare a farmi lavorare ancora meglio. Non rinnego il passato, anzi, - ha proseguito - sono grato per il percorso fatto con i compagni di Libertà in Azione e quello che voglio è continuare a dialogare, anche con loro, ma da una nuova prospettiva”.

Una nuova prospettiva per parlare dei problemi concreti della città, di progetti e di opere realizzate ma su cui sarebbe bene fare una seria e profonda riflessione. “La Ztl, via del Mare, il commercio, le infrastrutture e l’ambiente sono solo alcuni dei punti di cui vorremo parlare nei prossimi mesi. - ha sottolineato ancora Di Naccio - L’importante sarà però trovare una linea comune che faccia ritrovare l’unità del centrodestra ed eviti, nelle amministrative 2021, di ripetere gli stessi errori del 2016”.

Dello stesso parere anche l’assessore regionale Nicola Campitelli ed il coordinatore cittadino del Carroccio, Fausto Memmo. “L’obiettivo era avere un nostro uomo nel consiglio comunale - ha detto Memmo - e non vuol dire prendere sul carro chiunque, ma farlo comunque dopo una selezione ed una scelta attente e così è stato”.

E a chi si chiede se questo passaggio possa aver causato dei dissapori all’interno del centrodestra frentano, risponde in modo chiaro e netto. “Nessuna frattura col centrodestra, anzi. Questa acquisizione ha solo aspetti positivi - ha spiegato - anche perché stiamo comunque parlando di un partito che ha 30% delle preferenze e non di una qualsiasi lista civica. Il rapporto della Lega con Libertà in Azione? - ha specificato concludendo - Io ho enorme stima di Tonia Paolucci, da sempre e, anche se all’inizio ogni passaggio ha bisogno di un po’ tempo per essere assimilato, noi puntiamo all’unità e al dialogo”.

Guarda il video

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi