Sicurezza, FdI chiede all’amministrazione l’installazione di più telecamere - "Necessaria risposta incisiva sulla videosorveglianza"

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 16/12/2019

Sicurezza, FdI chiede all’amministrazione l’installazione di più telecamere

"Necessaria risposta incisiva sulla videosorveglianza"

Criminalità e senso di insicurezza possono condizionare in negativo la vita di una comunità. Quando le persone si sentono minacciate, modificano il loro stile di vita e, di conseguenza, il modo in cui utilizzano la città quotidianamente. Lo si comincia a percepire, purtroppo, anche nel nostro territorio, da tempo balzato agli onori delle cronache. Lanciano sta conoscendo, per la prima volta e in modo massiccio, le attività criminose di una vera e propria piazza di spaccio, con modalità direttamente collegabili ai clan camorristici. 

“Come gruppo politico, espressione di una parte della comunità lancianese, non intendiamo strumentalizzare questi episodi, ma lanciare invece un grido di allarme. - dicono Gabriele Di Bucchianico, Paolo Bomba e Roberto Gargarella (Fratelli d’Italia) - È necessaria una risposta forte ed efficace e l’immediata applicazione di misure deterrenti ai fenomeni criminosi. Ci vogliono più controlli e maggiori tutele per le attività commerciali. Come gruppo Fratelli d’Italia chiediamo quindi all’amministrazione comunale una risposta incisiva sul fronte della videosorveglianza. Le 12 nuove telecamere annunciate da due esponenti della maggioranza dei gruppi Pd e Progetto Lanciano, - proseguono i tre consiglieri di opposizione - non sono in alcun modo sufficienti ad arginare e prevenire la dilagante criminalità sul territorio. Tanto più se, come sappiamo, la stragrande maggioranza degli occhi elettronici installati sul territorio comunale risulta non funzionante, non rispondente alle attuali e vigenti normative in tema di privacy o semplicemente inefficace”. 

Dall’ultimo tavolo sulla sicurezza datato qualche mese fa, si è appreso infatti che a causa di software obsoleti e tecnologie ormai datate, non è possibile risalire ad un archivio “storico” delle registrazioni, anche se si tratta di periodi di tempo molto brevi. Se i dati non vengono scaricati a cadenza molto frequente, le registrazioni vengono automaticamente cancellate. Spesso, anche solo per verificare più attentamente la dinamica di un incidente stradale si scopre che le telecamere installate sono perfettamente inutili.

“Ci poniamo quindi - si legge ancora nella nota di Bomba, Di Bucchianico e Gargarella - una serie di domande. A che serve intervenire con un provvedimento-tampone se non si ha la contezza dei dispositivi effettivamente funzionanti? Quante e quali zone del comprensorio comunale sono effettivamente ed efficacemente sotto controllo? Quante e quali telecamere di videosorveglianza si sono rivelate efficaci per l’individuazione dei responsabili degli ultimi episodi criminosi in ordine di tempo? Come al solito l’amministrazione Pupillo preferisce “mettere le pezze” invece che avere una visione organica e a lungo termine del problema. Chiediamo dunque a gran voce a questa amministrazione, che troppo spesso ha sottovalutato il fenomeno, - conclude la nota - l’installazione, da subito, di un numero adeguato di videocamere di sorveglianza e di dar vita immediatamente ad un tavolo di confronto in accordo con le associazioni di categoria e le Forze dell’ordine per avere finalmente un quadro dettagliato della situazione e pianificare azioni mirate ed efficienti”. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi