Memmo (Lega) sul commercio: "La città attende il regolamento delle Preinsegne dal 2014" - E sull’amministrazione tuona: "Hanno massacrato il commercio lancianese"

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 12/12/2019

Memmo (Lega) sul commercio: "La città attende il regolamento delle Preinsegne dal 2014"

E sull’amministrazione tuona: "Hanno massacrato il commercio lancianese"

“L’attuale governo cittadino si sta dimostrando, purtroppo da anni, incapace e non all’altezza di tutelare ed incentivare il commercio e tutti i comparti dell’economia cittadina. Ormai la città vive in una situazione di “auto-governo” nella quale gli operatori economici che stoicamente provano a rimanere aperti si organizzano autonomamente, in via individuale oppure consorziata, al fine di incentivare e promuovere il commercio cittadino. La Giunta Pupillo è efficiente nell’attribuire patrocini, ovviamente gratuiti, e nell’appropriazione di meriti altrui ma totalmente assente per quanto concerne le attività di supporto e di coordinamento”. 

Il coordinatore cittadino della Lega Fausto Memmo interviene sul tema del commercio in città e sostiene che “il sindaco Pupillo e l’assessore Caporale abbiano massacrato il commercio lancianese".

“La strenua difesa di una ZTL che ha svuotato il centro storico, - afferma Memmo - il centro della città paralizzato dal punto di vista della viabilità e del traffico, l’adozione di un Piano Dehors che penalizza ancora di più il commercio sono solo gli interventi più recenti, ma c’è un Regolamento delle preinsegne pubblicitarie che Lanciano aspetta da anni”.

Memmo sollecita, dunque, l’immediata adozione di un Regolamento delle preinsegne, quale strumento di ausilio per gli operatori economici della città. “Nel luglio 2014 scoppiava il caos delle preinsegne pubblicitarie, con la rimozione di circa 460 cartelli e la relativa sanzione amministrativa pecuniaria poiché considerate abusive. Da quel momento commercianti, - ricorda il coordinatore della Lega - ristoratori, albergatori e titolari di attività varie non hanno potuto più regolarizzare la propria posizione né avviare un nuovo iter autorizzatorio, stante l’assenza di una regolamentazione specifica in materia.  Ad oggi, dunque, chi ha un’attività deve sperare di essere ‘trovato’, giacché non può pubblicizzarla”. 

Per Memmo questa situazione nuoce notevolmente soprattutto nel periodo natalizio, caratterizzato da una maggiore affluenza in città grazie alle numerose iniziative organizzate dagli operatori economici lancianesi.

“La lotta all’abusivismo ed il pieno rispetto della Codice della Strada trovano certamente pieno sostegno dal nostro movimento politico - sostiene Memmo - ma sono trascorsi, ormai, troppi anni e le difficoltà degli operatori commerciali sono arrivate al punto che questa maggioranza di governo cittadino non può più sottrarsi dal regolamentare questa importante materia. Ogni giorno - aggiunge Memmo - Lanciano viene visitata da centinaia di turisti ed utenti da fuori città mostrandosi impreparata ad accoglierli e dare a loro precise ed adeguate informazioni direzionali su dove rifocillarsi, alloggiare e fare acquisti”.

Per il coordinatore cittadino della Lega, occorre intervenire in maniera urgente ed indifferibile.

“La regolamentazione delle preinsegne pubblicitarie - conclude Memmo - appare urgente ed indifferibile, giacché assolve alle esigenze di salvaguardare la sicurezza del traffico veicolare ed ai bisogni dell’imprenditoria nei vari settori economici”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi