Operazione dei carabinieri a Torre Annunziata: la droga arrivava fino al carcere di Lanciano - Ieri 36 arresti in Campania
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Cronaca 20/11/2019

Operazione dei carabinieri a Torre Annunziata: la droga arrivava fino al carcere di Lanciano

Ieri 36 arresti in Campania

Un fiume di droga che da Torre Annunziata, provincia di Napoli, si diffondeva in tutta Italia grazie ad una capillare rete di spaccio arrivando fino al carcere di Lanciano. Quella scoperta dai carabinieri della compagnia oplontina era "una imponente organizzazione criminale, con una irrefrenabile e capillare capacità di spaccio che ha portato i soggetti maggiormente operativi a cedere grossi quantitativi di sostanze, anche fuori provincia e fuori regione e in alcuni casi, anche nelle carceri", come si legge nell'ordinanza del gip di Torre Annunziata, Antonio Fiorentino, riportata dal sito d'informazione Lo Strillone [LEGGI]. 

Ieri i militari hanno arrestato 36 persone, con diverse accuse a seconda del loro ruolo nel presunto sodalizio criminale a capo del quale c'era un 44enne di Torre Annunziata[a. Come riporta la testata campana "la droga veniva consegnata a domicilio o in luoghi convenzionali, previo contatto telefonico finalizzato a concordare, tramite linguaggio criptico e sfruttando per lo più utenze radiomobili intestate a persone inesistenti, quantità e qualità dello stupefacente".

La droga arrivava fino nel carcere di Lanciano attraverso l'attività di un 59enne e un 34enne, padre e figlio, originari della provincia di Latina [LEGGI]. Le ordinanze di custodia sono state emesse per il "concreto e gravissimo pericolo di reiterazione delle condotte finora avute. Nonostante i numerosi precedenti penali, hanno continuato imperterriti a spacciare nonostante altre misure cautelari in corso, spesso anche a distanza".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi