Dopo 25 anni, Davide Labbrozzi lascia la Fiom Cgil - "Dopo un quarto di secolo si può dimostrare a se stessi di saper fare altro"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 19/09/2019

Dopo 25 anni, Davide Labbrozzi lascia la Fiom Cgil

"Dopo un quarto di secolo si può dimostrare a se stessi di saper fare altro"

“Sono trascorsi esattamente venticinque anni dal mio primo impegno sindacale con la Fiom Cgil, si potrebbe dire che abbiamo appena festeggiato le nostre nozze d’argento”, così Davide Labbrozzi saluta la Fiom Cgil dopo 25 anni di carriera ai vertici del sindacato abruzzese.

“Dopo così tanti anni, nonostante il nostro rapporto fosse più che consolidato ho deciso di ricercare nuovi stimoli, nuove emozioni, nuove sfide, - dice dal suo profilo Facebook - ho maturato l'idea che dopo un quarto di secolo si può dimostrare a se stessi che si è in grado di fare altro”.

E così ieri sera ha deciso di comunicare a tutti i gruppi dirigenti della Fiom che presto andrà via, non senza sofferenza, verso nuovi lidi, quali? Si sapranno in futuro.

“In questi mesi ho vissuto momenti complessi, la mia sfera personale mi ha messo più volte a dura prova, ma ne sono uscito più forte di prima. - scrive ancora Labbrozzi - Con le nuove energie e consapevole che in questa vita siamo circondati da tante cose belle, elementi che spesso non vediamo, andrò a costruirmi una nuova dimensione. Abbraccio tutti coloro che hanno sostenuto con amore Labbrozzi il sindacalista".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi