"Prof, lo so... ma non lo dire", dibattito argomentativo all’Umberto I - La finale del "Dibate" per sviluppare il pensiero critico ci sarà domani
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 20/02/2019

"Prof, lo so... ma non lo dire", dibattito argomentativo all’Umberto I

La finale del "Dibate" per sviluppare il pensiero critico ci sarà domani

Si intitola “Prof, lo so… ma non lo dire”, il dibattito argomentativo organizzato dall’istituto Umberto I e dal Rotary Club Lanciano, la cui finale si terrà domani, giovedì 21 febbraio, alle ore 16, nell’aula magna della scuola in viale Cappuccini.

Il Dibate, strategia didattica di stampo anglosassone, recentemente promossa anche dal MIUR nelle scuole medie e superiori, prepara delle squadre di alunni ad argomentare su vari temi di carattere generale e attuale, seguendo regole, tempi e pause che rendono la discussione vivace, interessante e stimolante. La trattazione dei temi attraverso un corretto confronto dialettico significa sviluppare il pensiero critico e stimolare il confronto e l’accettazione di posizioni differenti dalle proprie.

Nella finale, la giuria sarà composta da Filippo Paolini, presidente del Rotary, Francesco Carabba, presidente dei Lions e da Silvino d’Ercole, dirigente scolastico.

L’Istituto Comprensivo Umberto I, nelle persone del dirigente scolastico, Anna Maria Sirolli e delle professoresse Sara Iachini e Angela Stampone che hanno inserito tale metodologia sviluppandone potenzialità, tecnica e strategie, invitano genitori e persone interessate a presenziare alla manifestazione.

 

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi