Bagno di folla per Matteo Salvini: "la prossima volta saremo in piazza" - Immigrazione, lavoro, pensioni e tanti selfie per il vice premier
 
Lanciano   Politica 21/01

Bagno di folla per Matteo Salvini: "la prossima volta saremo in piazza"

Immigrazione, lavoro, pensioni e tanti selfie per il vice premier

Sala 1 dell’ex cinema Maestoso di Lanciano stracolma e folla incurante della pioggia fuori dai cancelli in via Bellisario per ore dietro le transenne, come in attesa della rock star del momento. E’ stata questa l’accoglienza di Lanciano al vice premier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, ieri nella città frentana per sostenere il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

“La prossima volta tornerò e prometto che parlerò in piazza, in quella piazza che oggi ci hanno negato”. Parla così Matteo Salvini, da un palco improvvisato e con il megafono in mano, davanti il cinema, prima di entrare, per accontentare i circa 500 che lo aspettavano sotto la pioggia, riferendosi alla polemica sull’utilizzo di piazza Plebiscito [LEGGI QUI] per il comizio del leader della Lega.

Una volta dentro, con la ormai immancabile divisa della Polizia, che dice di non voler togliere perché “simbolo dell’instancabile lavoro delle forze dell’ordine”, ha parlato ad un pubblico arrivato anche dai paesi vicini, di sicurezza, pensioni, lavoro, immigrazione e futuro dell’Abruzzo raccogliendo applausi e consensi.

IL VIDEO IN DIRETTA DELL'INCONTRO CON MATTEO SALVINI:

Circa trenta minuti di discorso e più di un’ora e mezzo di selfie con tutti, ma proprio tutti, in fila tra le poltrone del cinema e sul palco per una foto “col capitano”. Un pubblico variegato di giovani, meno giovani, donne e gente comune che ha scelto di passare la propria domenica pomeriggio al cinema, non per guardare il solito film, ma per ascoltare il leader del Carroccio, di nuovo a Lanciano dopo 3 anni.

Tra il pubblico c’è chi, da Fossacesia, è leghista della prima ora, “sì, fin da quando ci chiamava terroni”. Ma c’è anche chi si è avvicinato al partito di Umberto Bossi solo di recente, orfano di una destra forte e convincente. C’è chi si dice stanco della presenza degli immigrati e chi stanco di non riuscire a trovare lavoro e, ad oggi, afferma di riuscire a trovare “solo in un leader forte e deciso come Salvini” quella guida politica per ritrovare fiducia.

“E’ arrivato il momento di rifare grande l’Abruzzo - chiude Salvini dal palco del Maestoso - e sarete voi, il prossimo 10 febbraio ad essere i protagonisti di questo cambiamento che, già da oggi, possiamo sentire nell’aria”.


L'INTERVISTA A MATTEO SALVINI:

Guarda il video

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi