Honeywell, il 16 febbraio nuovo incontro al Mise - Uliano (Fim-Cisl): "vogliamo dare risposte sociali e di reddito ai lavoratori"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 12/02/2018

Honeywell, il 16 febbraio nuovo incontro al Mise

Uliano (Fim-Cisl): "vogliamo dare risposte sociali e di reddito ai lavoratori"

Si tenterà di fare un ultimo accordo, venerdì 16 febbraio, nell’incontro che vedrà impegnati i sindacati ed i vertici della Honeywell, attorno al tavolo convocato dal Mise, Ministero dello Sviluppo Economico a Roma.

“Vogliamo trovare soluzioni che diano risposte ai lavoratori sia in termini sociali che di reddito. - ha detto il segretario nazionale Fim-Cisl, Ferdinando Uliano, pochi giorni fa a Lanciano, per fare il punto anche sulla Sevel [LEGGI QUI] - Nell’incontro al Mise, porteremo le nostre proposte quali la reindustrializzazione dell’azienda, tema che deve rendere attivi non solo i sindacati, ma anche proprietà e Regione”.

Dopo più di 60 giorni di sciopero e presidio permanente davanti i cancelli dell’azienda in Val di Sangro, la multinazionale americana, lo scorso 8 gennaio, ha annunciato la chiusura dello stabilimento di Atessa che conta 420 lavoratori più un’altra sessantina di operai di aziende dell’indotto [LEGGI QUI].

“Vorremmo che l’azienda pagasse un prezzo sociale per al decisione presa - ha proseguito Uliano - e cercheremo di portare sul tavolo del Mise l’importante questione della ricollocazione degli operai, attiva qualora si andasse verso una reindustrializzazione o esterna, per chi volesse cercare un posto di lavoro altrove”.

 

 

 

 

 

 

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi