Sansificio, torna la fumata nera su Treglio - L’impianto riprende a funzionare, le proteste di cittadini e associazioni

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Treglio   Ambiente 06/11/2017

Sansificio, torna la fumata nera su Treglio

L’impianto riprende a funzionare, le proteste di cittadini e associazioni

A pochi giorni dalla ventesima di Borgo Rurale, festa di castagne, olio e vino novello, il sansificio Vecere ha ripreso a funzionare a Treglio, senza autorizzazione, scaduta  il 31 dicembre 2016.

“Come a dire che è stato tutto inutile, dalle vibranti proteste della popolazione alle sentenze di condanna della magistratura, dal sequestro dell'impianto alle innumerevoli iniziative dei cittadini, tra flash mob manifestazioni e raccolta firme. - commenta l’associazione ambientalista Nuovo Senso Civico - Un vero scandalo all'italiana che assume contorni così caratteristici al punto da meritarsi il titolo di scandalo all'abruzzese. Stendendo un velo pietoso sulla politica, in particolare quella regionale e nazionale, che ci rappresenta anche nella direzione delle decisioni tecniche, e che, come su altre questioni, prende posizioni a chiacchiere, ma poi lascia fare ai tecnici del portafoglio, ci chiediamo cosa possiamo fare ancora per impedire che questo sopruso alla luce del sole, perpetrato ai danni dei cittadini del comprensorio frentano, abbia fine”. 

Per questi motivi l’associazione rivolge un appello a tutti i sindaci del comprensorio ad unirsi al sindaco di Treglio Massimiliano Berghella nel perseguimento dell’obiettivo comune di “non permettere questo oltraggio alla convivenza civile per non vedere tradita per l’ennesima volta la volontà popolare. Se la legge è davvero uguale per tutti - conclude Nuovo Senso Civico - il sansificio deve essere spento immediatamente”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi