Memoria e futuro, il 6 ottobre dei bambini - Questa mattina le celebrazioni per il 74esimo anniversario della rivolta lancianese

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 06/10/2017

Memoria e futuro, il 6 ottobre dei bambini

Questa mattina le celebrazioni per il 74esimo anniversario della rivolta lancianese

Si è aperto con un commosso ricordo del vicesindaco Pino Valente, esempio di vera lancianesità, il discorso del sindaco Mario Pupillo, di fronte il monumento dei Martiri lancianesi durante la celebrazione del 74esimo anniversario della rivolta del 6 ottobre 1943.

“La nostra medaglia d’oro non possiamo metterla da parte, non possiamo diluire la nostra memoria, - ha affermato con forza Pupillo - è necessario tramandare alle future generazioni quanto accaduto nell’ottobre del 1943 nella nostra città e fare in modo che quanto accaduto sia da monito per il futuro”.

Ma come sempre sono stati i ragazzi delle scuole, capeggiati dagli alunni della scuola elementare degli Eroi Ottobrini i protagonisti della manifestazione e i primi a guidare il corteo che, da piazzale dell’Arciprete, è arrivato fino in piazza Plebiscito per poi salire su per corso Roma e raggiungere il monumento dedicato ai Martiri lancianesi. Dopo il saluto del presidente dell’ANPI, Maria Saveria Borrelli, al microfono è andata una emozionata Clelia Marsilio, nipote dei caduti Giuseppe Marsilio e Vincenzo Bianco, poco distante dalla famiglia di Trentino La Barba e dal presidente onorario ANPI Angelo Ciavarelli.

A chiudere la mattinata, la voce dei bambini della scuola Eroi Ottobrini, una speranza per il futuro, per non dimenticare.


Guarda il video Guarda le foto

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi