Quattro nuovi Comuni si affidano a Ecolan - I Comuni serviti da Ecolan ora sono 18 per un’utenza di 100 mila abitanti

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 22/07/2017

Quattro nuovi Comuni si
affidano a Ecolan

I Comuni serviti da Ecolan ora sono 18 per un’utenza di 100 mila abitanti

Torino di Sangro, Frisa, Mozzagrogna e Santa Maria Imbaro affidano il servizio di igiene urbana ad Ecolan facendo così salire il numero dei comuni che si sono affidati alla società pubblica 18, per un’utenza complessiva di circa 100 mila residenti.

Nei giorni precedenti l’attivazione, lo staff tecnico della Ecolan ha incontrato in assemblee pubbliche i cittadini delle comunità interessate al cambio di gestione del servizio, illustrando le buone pratiche sulla raccolta differenziata dei rifiuti. “Le assemblee contraddistinguono il nostro operato - commenta il presidente Massimo Ranieri - vengono organizzate in ogni nuovo Comune in cui si inizia il servizio e rappresentano un momento importante per farci conoscere dalla comunità e comprendere a pieno i bisogni sia delle famiglie che dei commercianti”.

Dopo la fase di avvio in cui si assicura la continuità con la precedente gestione si passerà gradualmente alla fornitura dei nuovi calendari di raccolta e delle attrezzature. Nell’ottica di garantire un servizio efficiente in tempi rapidi, durante il periodo di transizione, il personale Ecolan sarà presente sul territorio per effettuare sopralluoghi nei condomini e nelle utenze non domestiche, così da individuare le soluzioni più adeguate alle singole esigenze.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi