A Lanciano 15 persone in carico al SER-D per le dipendenze da gioco - Progetto Lanciano presenta una mozione "no-slot"

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


2 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Attualità 18/05/2017

A Lanciano 15 persone in carico al
SER-D per le dipendenze da gioco

Progetto Lanciano presenta una mozione "no-slot"

Arturo Di Corinto, Carlo Orecchioni e Paola ZulliE’ stata presentata il 12 maggio scorso la mozione firmata dai consiglieri di Progetto Lanciano Carlo Orecchioni, Paola Zulli, Arturo Di Corinto e Gabriele Paolucci per contrastare il fenomeno di diffusione delle slot machines negli esercizi commerciali di Lanciano.

“Il gioco d’azzardo assume ogni giorno dimensioni più rilevanti - afferma Orecchioni - ed a dimostrarlo ci sono i numeri sempre più allarmanti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che considera il gioco una vera e propria dipendenza comportamentale patologica”. Nel 2016 in Italia sono state spesi 95 miliardi di euro per il gioco d’azzardo, più della metà proprio per le slot machines e l’Abruzzo ha il triste primato per numero di esercizi commerciali dedicati al gioco ed è al terzo posto per spesa pro capite per il gioco.

Visti i dati purtroppo in crescita, le Asl hanno formato delle “task force” specializzate nei SER-D, dove le vittime possono rivolgersi per ricevere assistenza ed avviare un percorso di recupero. “A Lanciano sono 15 le persone in cura nel SER-D di riferimento - spiega Orecchioni - ma di certo il numero affetto da questa patologia è maggiore”.

La mozione di Progetto Lanciano, pertanto, chiede di studiare azioni idonee per contrastare questo fenomeno, compresa l’adozione di incentivi fiscali a favore dei locali commerciali che decidono di non ospitare slot e videolottery, incrementare i controlli per garantire il rispetto delle leggi, aderire quanto prima al “Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo” e invitare il Parlamento e la Regione a valutare l’attribuzione di nuovi poteri agli enti locali in materia.

“Non conosciamo il numero esatto dei centri scommesse presenti a Lanciano e senz’altro ci attiveremo per arrivare a questi dati tramite la Questura. - conclude il capogruppo di Progetto Lanciano Carlo Orecchioni - Ma non sono i numeri a cambiare le cose, ciò che ci interessa è fare prevenzione partendo dalla scuole ed alzare un velo un problema sociale che troppo spesso resta fuori da riflettori”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi