Picchia i vicini dopo essere evaso dai domiciliari, ora in prigione - Madre e figlio finiti in ospedale dopo essere stati pestati
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lanciano   Cronaca 06/11/2016

Picchia i vicini dopo essere evaso
dai domiciliari, ora in prigione

Madre e figlio finiti in ospedale dopo essere stati pestati


Uno degli aggrediti mentre viene portato al Pronto SoccorsoNottata movimentata nel quartiere Santa Rita di Lanciano dove un trentenne agli arresti domiciliari è evaso ed ha picchiato i vicini di casa.

Entrato con forza nell’appartamento di conoscenti, ha litigato con un’anziana signora novantenne ed il figlio di circa 60 anni fino ad aggredirli con pugni e bastonate. Il trambusto è stato talmente forte, da svegliare gli altri condomini che hanno subito chiamato i Carabinieri.

Una volta sul posto, l’uomo ha aggredito anche gli uomini dell’Arma e danneggiato un’auto parcheggiata nelle vicinanze. Madre e figlio sono finiti in ospedale; lei con ferite alla bocca e denti rotti e 15 giorni di prognosi, il figlio invece, che ha avuto la peggio, ne avrà per più di 30 giorni. Il trentenne è ora in prigione con l’accusa di di evasione, violenza, lesioni e minacce a pubblico ufficiale.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi