CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Cronaca 22/01/2014

Morte del bimbo di 4 anni:
autopsia per accertare la causa

L’esame eseguito questa mattina al renzetti di lanciano

Il Renzetti di LancianoE’ stata eseguita dai medici dell’Anatomia patologica di Lanciano l’autopsia sul bambino di quattro anni, ricoverato in Pediatria e deceduto lunedì scorso nell’ospedale “Renzetti”. L’esame necroscopico, sollecitato dallo stesso direttore della Pediatria, Valerio Flacco, ha evidenziato una gastrectasia - ovvero una dilatazione dello stomaco - di dimensioni notevoli che, molto probabilmente, ha creato una compressione e, quindi, una sofferenza a livello respiratorio e cardiocircolatorio, nonostante il bambino fosse intubato. Il decesso è avvenuto alla presenza degli anestesisti che ne stavano predisponendo il trasferimento alla Chirurgia Pediatrica di Pescara. Il piccolo era stato sottoposto l’anno scorso a due interventi chirurgici in altri ospedali per una disfunzione dell’apparato digerente

Il bambino era stato portato in ospedale sabato pomeriggio dai genitori preoccupati dal persistere di disturbi gastro-intestinali che accusava già da diversi giorni, e che non cessavano nonostante la terapia farmacologica somministrata su indicazione del pediatra di libera scelta. Le condizioni del piccolo non erano parse gravi, al punto che i genitori si erano rivolti all’ospedale in cerca di un miglioramento che non arrivava. Il pediatra in servizio nel reparto, però, in considerazione di due interventi chirurgici subiti dal bambino nel corso del 2013 in due diversi ospedali di altre regioni per una disfunzione a carico dell’apparato digerente, ha insistito perché fosse ricoverato per monitorare il quadro clinico in un contesto più protetto e assistito. Purtroppo, segni di peggioramento sono emersi lunedì mattina nelle prime ore, quando nuovi accertamenti diagnostici hanno evidenziato una dilatazione importante dello stomaco, determinando un quadro clinico ben più grave che richiedeva una valutazione specialistica di tipo chirurgico. E’ stato quindi disposto il trasferimento d’urgenza alla Chirurgia pediatrica dell’ospedale di Pescara, subito allertata, dove però il bambino non è mai arrivato, perché è deceduto prima ancora di approdare sull’ambulanza, nonostante fosse stato anche intubato per migliorarne la respirazione. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi