Foligno corsaro a Lanciano, primo stop per l’Unibasket - Dopo la prima sconfitta, la testa è già alla prossima gara a Fossombrone

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Lanciano   Sport 05/11

Foligno corsaro a Lanciano, primo stop per l’Unibasket

Dopo la prima sconfitta, la testa è già alla prossima gara a Fossombrone

Primo stop stagionale per l’Unibasket di coach Claudio Corà: è infatti un attento e letale Foligno a violare il parquet del Palazzetto dello Sport, (finalmente sistemato dopo i recenti problemi strutturali). Non basta infatti, il numeroso pubblico presente a spingere alla vittoria un Lanciano apparso troppo molle ed impreciso a canestro

Unibasket in campo con il quintetto tipo D’Eustachio, Agostinone, Martelli, Adonide, Cukinas mentre Sansone coach dell’Ubs sceglie Rath, Tosti, Mariotti, Camacho e Sakinis. Pronti e via ed è subito il centro di casa, Povilas Cukinas su assist di D’Eustachio a marcare i primi punti della gara, ma Foligno risponde subito con il canestro di Sakinis, tra i migliori degli umbri a rimbalzo.

L’Unibasket fallisce due occasioni dall’arco con Cukinas e D’Eustachio ed è l’Ubs ad approfittarne prima con Camacho e poi con Sakinis, a tratti immarcabile in questo primo quarto. Il neo entrato Ranitovic riporta a - 2 (9-11) i Frentani prima del time out. Gli ospiti rientrano in campo con maggiore decisione allungando di sette con Nikoci, Mariotti e con la tripla di Giacomo Tosti che con 24 punti finali a referto si rivelerà decisivo per le sorti della gara. Il primo di quarto si chiude sul 15 a 20 grazie al canestro in extremis di Mordini. 

La schiacciata del pivot ospite Eraldo Nikoci, apre un secondo quarto di chiara marca folignate. Mariotti centra la tripla del + 10 (15-25) e prima Giacomo Tosti e poi Anastasi allungano ulteriormente sul 16 a 32 a 5 minuti e mezzo dalla pausa lunga. L’Unibasket appare lenta e difensivamente fragile, così è ancora Mariotti a segnare. Il lituano Cukinas (il migliore con 32 punti) prova a tenere a galla i suoi, ma è ancora il Foligno a segnare di nuovo con Mariotti e Marchionni che porta a + 19 (18 a 38) il vantaggio dei suoi. L’Unibasket va a riposo sotto di sedici punti e con qualche problema di troppo da risolvere. Negli spogliatoi coach Corà prova a scuotere i suoi che rientrano in campo con maggiore determinazione: D’Eustachio dalla lunetta, Cukinas e capitan Martelli ricuciono sul - 10 (31- 41). Sansone richiama i suoi a rapporto ma al rientro è ancora l’Unibasket a segnare con Matteo Mordini.

E’ proprio nel momento di maggiore pressione della capolista che il playmaker ospite John David Rathtrascina di nuovo il Foligno sul 53 a 40 (+ 14). Girandola di cambi tra i Frentani: escono Martelli per Mordini e Adonide per Ranitovic ma le sostituzioni non sortiscono l’effetto sperato ed il penultimo quarto si chiude sul 46 - 60 e con l’ennesimo canestro del regista umbro Rath. Nell’ultimo quarto la musica non cambia: i protagonisti sono ancora Rath e Nikoci mentre in casa Unibasket non bastano i canestri del solito Cukinas e del serbo Ranitovic (11 punti totali) a riaprire una partita difficile. Anastasi segna l’ennesima “bomba” (altissime le percentuali degli umbri) ed è di nuovo G. Tosti con due triple a stretto giro (66 - 81) a mettere una pietra sul match che si chiude sul risultato di 73 a 87.

Grande festa in casa folignate per la bella vittoria, senza dubbio meritata e resa ancor più prestigiosa dalla convincente prestazione. Primo stop in casa Unibasket con i ragazzi di Corà apparsi sottotono e difensivamente tutt’altro che impeccabili. Ma nessun dramma: il cammino del Lanciano resta di livello e ora testa al prossimo turno che vedrà l’Unibasket di scena a Fossombrone.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi